+3906689791 scrivici@era.ong
Politica e lingue

VATICANO DIFENDE INSEGNAMENTO NELLE SCUOLE

LATINO: VATICANO DIFENDE INSEGNAMENTO NELLE SCUOLE =

CITTA’ DEL VATICANO, 29 APR. (ADNKRONOS) – IL VATICANO SCENDE IN CAMPO PER DIFENDERE L’INSEGNAMENTO DEL LATINO NELLE SCUOLE.
DIFENDENDO LA PROPOSTA DELL’ISTITUTO ITALIANO PER GLI STUDI FILOSOFICI AVANZATA NEI GIORNI SCORSI IN UN CONVEGNO ORGANIZZATO IN CAMPANIA, L”’OSSERVATORE ROMANO” SOSTIENE LA NECESSITA’ DI RIACCOSTARE ALLA LINGUA DI CICERONE SIA PER NON DISPERDERE UN PATRIMONIO CULTURALE IMMENSO, SIA PER ”CORREGGERE MEGLIO LO ZOPPICANTE ITALIANO” DEGLI STUDENTI. ”INSEGNARE IL LATINO COME SE FOSSE UNA LINGUA VIVA -SI LEGGE IN UN ARTICOLO CHE SARA’ PUBBLICATO DOMANI SUL QUOTIDIANO D’OLTRETEVERE- NON E’ UNA IDEA BEN STRANA E, NEL CONCRETO IRREALIZZABILE. E’ PIUTTOSTO UN METODO PER RIACCOSTARE I RAGAZZI ALLA CONOSCENZA E ALLA COMPRENSIONE DEL MONDO ANTICO E NON UNA TROVATA PER TRASFORMARLI BISLACCAMENTE IN FENOMENI DA BARACCONE”.
CRITICANDO POI IL ”CONFUSO BALBETTIO RIFORMISTICO CON CUI IL MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE HA INTESO ALLUDERE ALL’INSEGNAMENTO DEL LATINO E DEL GRECO”, L’OSSERVATORE SOTTOLINEA CHE LA PROPOSTA DELL’ISTITUTO HA IL MERITO COLMARE I VUOTI DIDATTICI DELLA SCUOLA. ”QUESTA PROPOSTA -SI LEGGE ANCORA- SEMBRA DUNQUE L’UNICA CAPACE DI INFONDERE VITA E SENSO NUOVI ALLO STUDIO DEL LATINO E DEL GRECO”. A PATTO PERO’ DI ESCLUDERE UN ”APPROFONDIMENTO SISTEMATICO DI MORFOLOGIA E SINTASSI PER TRARRE INVECE LE REGOLE DA UNA IMMEDIATA LETTURA DEI TESTI; MEMORIZZARE I VOCABOLI FONDAMENTALI LIBERANDOSI DELLA PERVASIVA SCHIAVITU’ DEL VOCABOLARIO; ATTIVARE UN MINIMO DI CONVERSAZIONE IN LINGUA ALLO SCOPO DI NON ESERCITARE ASTRATTAMENTE LA MEMORIA”.
29-APR-98

Lascia un commento

0:00
0:00