Politica e lingue

Una Brexit equa

910.000 laureati nati nell'UE a 27 vivono nel Regno Unito. Johnson ha chiarito che vuole espandere ulteriormente questo formidabile guadagno netto di cervelli, di ben oltre mezzo milione

Il Regno Unito taglia la corda e i legami con l'Ue.
85
Tempo di lettura: 5 minuti

Era da prevedere e tuttavia, dal punto di vista dell’Unione europea, era anche da sperare. Alle elezioni generali del 12 dicembre, il primo ministro britannico uscente, Boris Johnson, si assicurò la maggioranza assoluta di cui aveva bisogno per avere un accordo di ritiro approvato dalla Camera dei Comuni. La sua vittoria è una tragedia per molti dei nostri amici britannici, non da ultimo quelli che si sentono più europei che britannici. Ma ci salva da diversi anni di incessanti dispute all’interno del Regno Unito e tra il Regno Unito e l’UE.

La sua sconfitta avrebbe significato, nella migliore delle impostazioni, una piccola probabilità di un secondo referendum vinto da una piccola maggioranza di Remainers. In tal caso, l’Unione europea sarebbe stata incunata a disagio con uno Stato membro il cui governo, qualunque sia il suo colore, sarebbe stato sotto la pressione costante di una metà risentita dell’elettorato britannico.

La Brexit renderà quindi più facile il lavoro dell’UE? Non può. Tutto dipende dal contenuto dell’accordo a lungo termine tra l’UE e il Regno Unito, il cui negoziato può finalmente iniziare. La parte vincolante dell’operazione di recesso ammontava poco più che interpretare il principale patto sunt servanda e garantire un periodo di transizione graduale. Le “relazioni future” devono ancora essere risolte. La possibilità che la Brexit renda il lavoro dell’UE più difficile, forse addirittura impossibile, dipende da come si baseranno queste relazioni future.

Il progetto europeo è un’impresa senza precedenti, ambiziosa e civile. In parte grazie al mercato unico al centro, è riuscito a domare le passioni nazionaliste e stabilizzare le democrazie. Ma la disciplina del mercato unico ha anche eroso le capacità degli Stati membri di proteggere i loro cittadini e frenare le disuguaglianze.

Se si vuole evitare un fatale contraccolpo contro il progetto europeo, l’impresa civile deve ora sviluppare risolutamente la sua dimensione premurosa, affrontare l’insicurezza economica e arrestare l’aumento delle disuguaglianze. Una Brexit morbida negoziata male potrebbe rovinare la capacità dell’UE di impegnarsi in modo efficiente in questo compito cruciale e urgente. In che modo?

Imposte più basse

Vent’anni fa, William Hague, allora leader dell’opposizione conservatrice, ha trasmesso il seguente messaggio alla Confederazione dell’industria britannica: “Nel prossimo millennio, le nazioni si sfideranno tra loro per i regolamenti più leggeri, le tasse più basse e le più commerciali. Le loro armi non saranno pistole, ma aliquote fiscali. Per quanto riguarda i blocchi regionali come l’UE, ha aggiunto: “Questi grandi animali inciampati saranno superati e superati dallo Stato nazionale snello e a bassa tassazione”. (Guardian, 2 novembre 1999).

Oggi, le persone che detengono questo tipo di vista sono al potere e sperano che la Brexit darà loro libero sfogo. Britannia Unchained è il titolo di un’infuocata supplica per il capitalismo globale “libero mercato” pubblicata nel 2012 dal segretario all’estero di Johnson, Dominic Raab, e dal suo segretario di casa, Priti Patel. Alla conferenza conservatrice del 2018, Raab, allora segretario alla Brexit, ha dichiarato: “La storia giudicherà la Brexit, non sul tortuoso mercanteggiamento con Bruxelles … Ma come trampolino di lancio per un’abbraccio globale che ascino il libero scambio.” (Spettatore, 1 ottobre 2018). Quando Johnson lo ha nominato segretario degli esteri nel luglio 2019, ha fatto sapere alla stampa che il primo ministro voleva che “il Ministero degli Esteri fosse assolutamente centrale, non solo per il processo di Brexit, ma anche per la visione della Gran Bretagna globale”(Times,26 luglio 2019).

La Gran Bretagna sconcatenata di Johnson e Raab non è solo destinata a scompetere grandi animali d’inciampo grazie a tasse basse, leggere normative e svalutazioni competitive. È anche destinato a farlo saccheggiando il più prezioso di tutte le risorse: il capitale umano.

Guadagno cerebrale

Secondo le stime della Banca mondiale per il 2010, 292.000 laureati nati nel Regno Unito di età compresa tra i 25 e i 64 anni vivono nell’UE a 27, mentre 910.000 laureati nati nell’UE a 27 vivono nel Regno Unito. Johnson ha chiarito che voleva espandere ulteriormente questo formidabile guadagno netto di cervelli, di ben oltre mezzo milione.

In un articolo di opinione che ha pubblicato come segretario degli esteri, ha scritto che voleva “chiarire alle imprese del Regno Unito che questo paese rimarrà aperto all’ambizione dell’UE e di tutto il mondo. È possibile riprendere il controllo dei confini senza sbattere il ponte levatoio sul talento’ (Sunday Times, 18 giugno 2017).

Nell’agosto 2019, appena due settimane dopo essere diventato primo ministro, ha chiesto alle ambasciate del Regno Unito di diffondere un messaggio in cui ha espresso la sua determinazione a “garantire che il nostro sistema di immigrazione attiri le migliori menti da tutto il mondo”. A tale scopo, il suo governo abolirà il tetto al numero di visti per talenti eccezionali, progetterà un percorso di immigrazione veloce per specialisti in scienza, ingegneria e tecnologia e rimuoverà, per questa categoria di persone, la necessità di mantenere un’offerta di lavoro prima di arrivare nel Regno Unito.

Attività principali

Senza dubbio il governo britannico si aspetta che questa politica di immigrazione per la raccolta delle ciliegie faccia miracoli. E può farlo perché può contare su tre grandi risorse.

In primo luogo, la reputazione dell’istruzione superiore britannica: secondo gli standard dell’ultima classifica QS, la Brexit priverà l’UE delle sue tre università nella top ten mondiale e sette su 12 sono tra le prime 50. In secondo luogo, le dimensioni di Londra: in un mondo in cui le economie di agglomerazione continuano ad acquisire importanza, la più grande metropoli dell’UE non perderà presto il suo potere di attrazione.

In terzo luogo, e soprattutto, l’inglese: i sistemi educativi della maggior parte dei paesi europei, assistiti dalla motivazione degli alunni e dei loro genitori, rendono i loro cittadini linguisticamente idonei a integrarsi agevolmente nel mercato del lavoro e nella società del Regno Unito. La diffusione dell’inglese come lingua franca ha trasformato il territorio di lingua inglese in un potente magnete, con un ampio bacino di potenziali partecipanti da cui può scegliere.

Con il controllo “ripreso” oltre i suoi confini, il Regno Unito può lasciare all’UE a 27 l’ingrato compito di ospitare e socializzare gli innumerevoli rifugiati e migranti, compresi i “transmigranti” disperati per raggiungere il Regno Unito, arrivando in massa dal Medio Oriente e dall’Africa. Allo stesso tempo, può aprire le sue porte al cervello di cui ha bisogno. Infatti, come illustra il messaggio di Johnson dello scorso agosto, può succhiarli proattivamente da qualsiasi luogo siano stati allevati a grandi spese.

Affari seri

Non appena l’accordo di ritiro sarà finalizzato, inizierà l’attività molto seria. Questo accordo doveva garantire l’equità dell’uscita del Regno Unito, nel senso stretto di dover onorare gli impegni espliciti e impliciti assunti. L’accordo sulle “relazioni future” deve garantire che l’esito del processo di Brexit sia equo in un senso molto più esigente. In particolare, deve impedire a una Gran Bretagna di distruggere il progetto di civiltà dell’Europa attraverso la concorrenza fiscale, la raccolta di ciliegie e la libera circolazione dei beni pubblici globali prodotti dall’UE e finanziati dal contributo netto del suo stati membri prosperi.

A causa delle tre attività strutturali del Regno Unito sopra elencate, questo non sarà facile. D’altra parte, e soprattutto data la crescente rilevanza dei vincoli ecologici sul commercio di beni materiali, un “abbraccio catastrofico del libero scambio” rimarrà un pio desiderio se al Regno Unito verrà impedito di commerciare con il suo principale mercato estero, il continente europeo. “Quello che certamente penso di poter fare”, ha detto Johnson in un’intervista alla BBC nel giugno 2017, “è ottenere il meglio da entrambi i mondi”: commercio senza attrito e senza tariffa con l’UE e piena libertà di fare accordi con terzi(Times, 22 giugno 2017).

Ottenere il meglio di questi due mondi è incompatibile con le giuste relazioni future. Come primo ministro Johnson dovrà accettarlo e farlo accettare a tempo debito dal suo governo, forse a costo di un rimpasto, e dal suo elettorato, che è stato detto diversamente. In quanto condizione di accesso al mercato unico, qualsiasi vincolo l’UE imponga ai suoi Stati membri, ora o in futuro, deve valere altrettanto per il Regno Unito.

Partenariato equo

Questo trasformerà l’aspirante bucaniere in un vassallo periferico? Piuttosto in un partner esterno che deve capire cosa significa un partenariato equo e comportarsi di conseguenza. Immaginare, negoziare e attuare questo fair partnership è il nostro immediato compito comune negli anni a venire.

Un giorno, senza dubbio, il Regno Unito si renderà conto di quanto sia diventata vacua la “sovranità nazionale” nel mondo di oggi. Se lo desidera, dovrebbe essere il benvenuto a reinserirsi nel nostro “grande animale d’inciampo”, la grande, ma laboriosa, impresa civile alla quale può contribuire in futuro ancor più che in passato.

Philippe van Parijs * | socialeurope.eu |16.12.2019

Philippe van Parijs, borsista della British Academy, è professore presso le Università di Louvain e Lovanio e borsista Robert Schuman presso l’Istituto Universitario Europeo di Firenze.

Lascia un commento

Translate »