TRATTATI ROMA, FRATTINI DENUNCIA,MANCA ITALIANO DAL SITO

UE:50*TRATTATI ROMA, FRATTINI DENUNCIA,MANCA ITALIANO DAL SITO = (AGI) – Bruxelles, 18 gen. – Debutta il sito per il cinquantesimo anniversario del trattato di Roma, e va in scena un'ennesima esclusione della lingua italiana, che il vicepresidente Frattini ha accolto con amarezza e profonda insoddisfazione denunciando pubblicamente il fatto. Il sito, destinato a promuovere l'anniversario e le diverse manifestazioni che si terranno nel mondo, utilizza le tre cosiddette lingue di lavoro, inglese, francese e tedesco, piu' lo spagnolo. “Si troveranno certo argomenti tecnici e burocratici per giustificare la scelta di illustrare un sito che ricorda i 50 anni del Trattato di Roma soltanto nelle cosiddette tre lingue di lavoro (inglese, francese e tedesco) e nello spagnolo.- esordisce Franco Frattini secondo quanto si legge in un comunicato – Ma non posso tacere la mia amarezza e la mia profonda insoddisfazione per questa scelta che colpisce la lingua italiana”. “La Commissione non puo' e non deve – a maggior ragione nel momento in cui intende interpretare una funzione informativa – ignorare aspetti del proprio passato e del presente decisivi nell'alimentarne la memoria collettiva. Celebriamo i 50 anni di una storia che e' cominciata a Roma – ricorda il commissario responsabile della giustizia, sicurezza e liberta' – e ci rivolgiamo ai popoli ed alle comunita' linguistiche che abitano il mondo ignorando volutamente la lingua del Paese che ha ospitato Roma e che conosce nel mondo una delle comunita' linguistiche piu' numerose. L'Europa della comunicazione deve saper essere l'Europa viva e gelosa della propria storia e dei propri simboli. E mi auguro quindi che si ponga rimedio con urgenza a questa grave dimenticanza”. (AGI) 181144 GEN 07

UE: TRATTATO ROMA; COMMISSIONE RISPONDE A PROTESTE FRATTINI (V.UE: TRATTATO ROMA; NON IN ITALIANO SU WEB… DELLE 10,52) (ANSA) – BRUXELLES, 18 GEN – ''Sono un portavoce italiano e certamente mi rammarico anch'io che nel sito sul 50/mo anniversario del Trattato di Roma non sia stata prevista una traduzione in italiano. Ma devo precisare che il sito che comunica ai 450 milioni di europei sui 50 anni del Trattato e' un altro ed e' in 19 lingue, compreso l'italiano''. Lo ha detto il portavoce della Commissione Ue, Pietro Petrucci, rispondendo alle domande dei giornalisti sulle proteste del vicepresidente Franco Frattini. Petrucci ha quindi precisato che il sito contestato da Frattini e' un'iniziativa della direzione generale Relazioni esterne della Commissione ''pensato per informare i paesi terzi e quindi diretto verso l'esterno dell'Europa''.(ANSA).

UE: COMMISSIONE A FRATTINI SU SITO 50 ANNI ROMA, 'INCONCEPIBILE ESLUDERE ITALIANO' Bruxelles, 18 gen.(Aki) – Escludere l'italiano dalle informazioni sul cinquantenario del Trattato di Roma è “inconcepibile”, esiste un sito ufficiale in 19 lingue tra cui l'italiano, l'Italia ha un ruolo molto importante. Hanno risposto così alcuni portavoce della Commissione Europea alle proteste del vicepresidente dell'esecutivo Ue Franco Frattini, che questa mattina ha inviato una dura lettera protestando per il fatto che un sito di Relex, le Relazioni Esterne della Commissione, sui cinquant'anni del Trattato di Roma, è scritto in francese, inglese, tedesco e spagnolo ma non in italiano. “Ovviamente tutti i siti diretti a cittadini Ue sono in tutte le lingue disponibili – ha affermato Mikolaj Dowgielewicz, portavoce del commissario alla Comunicazione Margot Walstroem – esiste un sito ufficiale per i cinquant'anni del Trattato di Roma in 19 lingue realizzato dalla direzione generale Comunicazione. Per noi sarebbe assolutamente inconcepibile escludere l'italiano- ha proseguito – dunque dico ai media italiani di tranquillizzare i propri utenti sul fatto che gli italiani potranno essere regolarmente informati nella loro lingua sulla ricorrenza”. Dowgielewicz ha quindi spiegato che il sito cui si riferisce Frattini “è un sito dedicato all'Europa nel mondo”, aggiungendo comunque che “la questione sollevata dal vicepresidente è di grande importanza e noi vi prestiamo la massima attenzione”. Fonti dell'entourage di Frattini insistono che non è accettabile l'esclusione dell'italiano dal sito Relex in questo caso, vista anche l'ampia diffusione di emigrati di origine italiana nel mondo. E certamente il vicepresidente non è intenzionato a fare buon viso a cattivo gioco.Pietro Petrucci, portavoce (italiano) del nuovo commissario al Multilinguismo Leonard Orban, ha comunque osservato che “è ormai prassi abituale di Relex di usare le tre lingue di lavoro dell'Ue (inglese, francese e tedesco) e lo spagnolo per i siti diretti nel mondo”. Petrucci ha tuttavia sottolineato che “non esistono regole scritte in proposito, ma solo consuetudini”. A chi gli obiettava che l'italiano è la lingua del paese ospite del Trattato di Roma, Petrucci ha risposto laconico. “Direi – ha detto a Bruxelles – che in questo caso Roma ha un valore piuttosto 'geografico' più che specificamente legato a un paese”. La Commissione, che non per la prima volta si trova esposta a critiche per vere o presunte discriminazioni dell'italiano, ha comunque cercato di rassicurare sulla considerazione per l'Italia. “Vorrei ricordare – ha detto ancora Dowgielewicz – che il giorno prima del Consiglio straordinario del 25 marzo a Berlino (dedicato ai cinquant'anni del Trattato fondativo dell'Ue), proprio a Roma avrà luogo un vertice straordinario della gioventù europea sul futuro dell'Ue, che sottolinea il ruolo molto importante che svolge l'Italia”. “Per noi – ha detto anche Pia Ahrenkilde-Hansen, numero due dei portavoci della Commissione – si tratta di un paese da tenere in massima considerazione”. Resta da vedere, a questo punto, se nelle prossime ora le proteste di Frattini sul sito Relex dedicato alla ricorrenza sortiranno l'effetto auspicato. 18-GEN-07 13:47

UE: COMMISSIONE A FRATTINI, INCONCEPIBILE ESCLUDERE ITALIANO = PORTAVOCE WALSTROEM, ESISTE ALTRA PAGINA INTERNET IN 19 LINGUE Bruxelles, 18 gen. – (Adnkronos/Aki) – Escludere l'italiano dalle informazioni sul cinquantenario del Trattato di Roma e' ''inconcepibile'', esiste un sito ufficiale in 19 lingue tra cui l'italiano, l'Italia ha un ruolo molto importante. Hanno risposto cosi' alcuni portavoce della Commissione Europea alle proteste del vicepresidente dell'esecutivo Ue Franco Frattini, che questa mattina ha inviato una dura lettera protestando per il fatto che un sito Internet di Relex, le Relazioni Esterne della Commissione, sui cinquant'anni del Trattato di Roma, e' scritto in francese, inglese, tedesco e spagnolo ma non in italiano. ''Ovviamente tutti i siti diretti a cittadini Ue sono in tutte le lingue disponibili – ha affermato Mikolaj Dowgielewicz, portavoce del commissario alla Comunicazione Margot Walstroem – esiste un sito ufficiale per i cinquant'anni del Trattato di Roma in 19 lingue realizzato dalla direzione generale Comunicazione. Per noi sarebbe assolutamente inconcepibile escludere l'italiano- ha proseguito – dunque dico ai media italiani di tranquillizzare i propri utenti sul fatto che gli italiani potranno essere regolarmente informati nella loro lingua sulla ricorrenza''. Dowgielewicz ha quindi spiegato che il sito cui si riferisce Frattini ''e' un sito dedicato all'Europa nel mondo'', aggiungendo comunque che ''la questione sollevata dal vicepresidente e' di grande importanza e noi vi prestiamo la massima attenzione''. Fonti dell'entourage di Frattini insistono che non e' accettabile l'esclusione dell'italiano dal sito Relex in questo caso, vista anche l'ampia diffusione di emigrati di origine italiana nel mondo. E certamente il vicepresidente non e' inte nzionato a fare buon viso a cattivo gioco.(segue)18-GEN-07 14:00

UE: COMMISSIONE A FRATTINI, INCONCEPIBILE ESCLUDERE ITALIANO (2) = (Adnkronos/Aki) – Pietro Petrucci, portavoce (italiano) del nuovo commissario al Multilinguismo Leonard Orban, ha comunque osservato che ''e' ormai prassi abituale di Relex di usare le tre lingue di lavoro dell'Ue (inglese, francese e tedesco) e lo spagnolo per i siti diretti nel mondo''. Petrucci ha tuttavia sottolineato che ''non esistono regole scritte in proposito, ma solo consuetudini''. A chi gli obiettava che l'italiano e' la lingua del paese ospite del Trattato di Roma, Petrucci ha risposto laconico. ''Direi – ha detto a Bruxelles – che in questo caso Roma ha un valore piuttosto 'geografico' piu' che specificamente legato a un paese''. La Commissione, che non per la prima volta si trova esposta a critiche per vere o presunte discriminazioni dell'italiano, ha comunque cercato di rassicurare sulla considerazione per l'Italia. ''Vorrei ricordare – ha detto ancora Dowgielewicz – che il giorno prima del Consiglio straordinario del 25 marzo a Berlino (dedicato ai cinquant'anni del Trattato fondativo dell'Ue), proprio a Roma avra' luogo un vertice straordinario della gioventu' europea sul futuro dell'Ue, che sottolinea il ruolo molto importante che svolge l'Italia''. ''Per noi – ha detto anche Pia Ahrenkilde-Hansen, numero due dei portavoci della Commissione – si tratta di un paese da tenere in massima considerazione''. Resta da vedere, a questo punto, se nelle prossime ora le proteste di Frattini sul sito Relex dedicato alla ricorrenza sortiranno l'effetto auspicato.18-GEN-07 14:11

UE: SITO SU 50 ANNI ROMA, PROTESTA ANCHE AMBASCIATORE ITALIANO = Bruxelles, 18 gen. -(Aki) – Anche il rappresentante permanente d'Italia presso l'Ue, ambasciatore Rocco Cangelosi, ha protestato per l'assenza della lingua italiana nel sito Internet realizzato da Relex, le Relazioni esterne della Commissione Europea, sui cinquant'anni della firma del Trattato di Roma. E' quanto rende noto un comunicato diffuso dalla rappresentanza d'Italia a Bruxelles. Già in mattinata il vicepresidente dell'esecutivo comunitario Franco Frattini aveva scritto una dura lettera di protesta per la questione. L'ambasciatore Cangelosi, si legge nella nota, “ha espresso sorpresa e disappunto per l'iniziativa della Direzione generale Relazioni Esterne della Commissione volta alla pubblicazione di un sito informativo in quattro lingue (inglese, francese, tedesco, spagnolo) sul 50° Anniversario della firma dei Trattati di Roma destinato ai cittadini dei Paesi Terzi”. In particolare, prosegue la nota, “l'ambasciatore Cangelosi ha manifestato la sua ferma protesta attraverso il capo di gabinetto del commissario competente per le Relazioni Esterne Benita Ferrero Waldner per l'assenza della lingua italiana”.Cangelosi, si legge nel testo, “ha sottolineato come ci sia stata una evidente mancanza di rispetto delle regole istituzionali in materia linguistica e un altrettanto grave mancanza di sensibilità politica verso il Paese nel quale i Trattati sono stati firmati e verso i milioni di Italiani nel Mondo”. L'ambasciatore, conclude la nota, “ha ottenuto dal rappresentante della Commissione assicurazioni circa un suo pronto intervento tendente a risolvere rapidamente questo spiacevole episodio”.18-GEN-07 14:49

UE: SITO SU 50 ANNI ROMA, PROTESTA ANCHE AMBASCIATORE ITALIANO = 'ASSICURAZIONI' DALLA COMMISSIONE DI PRONTA SOLUZIONE A QUESTIONE Bruxelles, 18 gen. – (Adnkronos/Aki) – Anche il rappresentante permanente d'Italia presso l'Ue, ambasciatore Rocco Cangelosi, ha protestato per l'assenza della lingua italiana nel sito Internet realizzato da Relex, le Relazioni esterne della Commissione Europea, sui cinquant'anni della firma del Trattato di Roma. E' quanto rende noto un comunicato diffuso dalla rappresentanza d'Italia a Bruxelles. Gia' in mattinata il vicepresidente dell'esecutivo comunitario, Franco Frattini, aveva scritto una dura lettera di protesta per la questione. L'ambasciatore Cangelosi, si legge nella nota, ''ha espresso sorpresa e disappunto per l'iniziativa della Direzione generale Relazioni Esterne della Commissione volta alla pubblicazione di un sito informativo in quattro lingue (inglese, francese, tedesco, spagnolo) sul 50° Anniversario della firma dei Trattati di Roma destinato ai cittadini dei Paesi Terzi''. In particolare, prosegue la nota, ''l'ambasciatore Cangelosi ha manifestato la sua ferma protesta attraverso il capo di gabinetto del commissario competente per le Relazioni Esterne Benita Ferrero Waldner per l'assenza della lingua italiana''. Cangelosi, si legge nel testo, ''ha sottolineato come ci sia stata una evidente mancanza di rispetto delle regole istituzionali in materia linguistica e un altrettanto grave mancanza di sensibilita' politica verso il Paese nel quale i Trattati sono stati firmati e verso i milioni di Italiani nel Mondo''. L'ambasciatore, conclude la nota, ''ha ottenuto dal rappresentante della Commissione assicurazioni circa un suo pronto intervento tendente a risolvere rapidamente questo spiacevole episodio''.18-GEN-07 14:53

Apc-UE/ COMMISSIONE: “IMPENSABILE” ESCLUSIONE ITALIANO DA WEB – RPT [1]Sito su celebrazioni anniversario Trattato Roma sarà in 19 lingue Bruxelles, 18 gen. (APCom) – Rettifica della Commissione europea sull'esclusione dell'italiano dal sito internet dedicato alle celebrazioni per il 50esimo anniversario del Trattato di Roma: il portavoce dell'Esecutivo comunitario per le Relazioni istituzionali e la Comunicazione, Mikolaj Dowgielewicz, ha assicurato oggi che sarebbe “impensabile” avere una pagina web dedicata a questo evento non disponibile in italiano. Dowgielewicz ha precisato che il portale della Direzione generale Comunicazione messo a punto a tal fine sul sito della Commissione europea “è disponibile in 19 lingue”. L'equivoco era sorto dal fatto che un link della sessione “Relazioni esterne” del sito internet della Commissione dedicato alle stesse celebrazioni è stato reso disponibile solo in inglese, francese, tedesco e spagnolo, sollevando la protesta del vicepresidente della Commissione, Franco Frattini. Quanto a questa specifica pagina web, la spiegazione fornita dalla Commissione è che la Direzione generale relazioni esterne ha stabilito di fornire la sua sezione del sito internet comunitario in queste quattro lingue, data l'importanza particolare dello spagnolo nelle relazioni internazionali, soprattutto con l'America Latina. A chi gli chiedeva se non sarebbe stato comunque più ragionevole per la Dg relazioni esterne tradurre anche in italiano almeno il link specifico sul Trattato di Roma, il portavoce della Commissione al Multilinguismo, Pietro Petrucci ha risposto: “Nonostante Roma sia la Capitale del mio Paese, il fatto che il Trattato sia stato firmato lì è prevalentemente una questione geografica: possiamo capire che per gli italiani sia motivo di rammarico ma la decisione presa (dalla Dg Relazioni esterne, ndr) è questa”.181501 gen 07
[addsig]

3 commenti

  • UE:50*TRATTATI ROMA, FRATTINI DENUNCIA,MANCA ITALIANO DAL SITO = (AGI) – Bruxelles, 18 gen. – Debutta il sito per il cinquantesimo anniversario del trattato di Roma, e va in scena un'ennesima esclusione della lingua italiana, che il vicepresidente Frattini ha accolto con amarezza e profonda insoddisfazione denunciando pubblicamente il fatto. Il sito, destinato a promuovere l'anniversario e le diverse manifestazioni che si terranno nel mondo, utilizza le tre cosiddette lingue di lavoro, inglese, francese e tedesco, piu' lo spagnolo. “Si troveranno certo argomenti tecnici e burocratici per giustificare la scelta di illustrare un sito che ricorda i 50 anni del Trattato di Roma soltanto nelle cosiddette tre lingue di lavoro (inglese, francese e tedesco) e nello spagnolo.- esordisce Franco Frattini secondo quanto si legge in un comunicato – Ma non posso tacere la mia amarezza e la mia profonda insoddisfazione per questa scelta che colpisce la lingua italiana”. “La Commissione non puo' e non deve – a maggior ragione nel momento in cui intende interpretare una funzione informativa – ignorare aspetti del proprio passato e del presente decisivi nell'alimentarne la memoria collettiva. Celebriamo i 50 anni di una storia che e' cominciata a Roma – ricorda il commissario responsabile della giustizia, sicurezza e liberta' – e ci rivolgiamo ai popoli ed alle comunita' linguistiche che abitano il mondo ignorando volutamente la lingua del Paese che ha ospitato Roma e che conosce nel mondo una delle comunita' linguistiche piu' numerose. L'Europa della comunicazione deve saper essere l'Europa viva e gelosa della propria storia e dei propri simboli. E mi auguro quindi che si ponga rimedio con urgenza a questa grave dimenticanza”. (AGI) 181144 GEN 07

    UE: TRATTATO ROMA; COMMISSIONE RISPONDE A PROTESTE FRATTINI (V.UE: TRATTATO ROMA; NON IN ITALIANO SU WEB… DELLE 10,52) (ANSA) – BRUXELLES, 18 GEN – ''Sono un portavoce italiano e certamente mi rammarico anch'io che nel sito sul 50/mo anniversario del Trattato di Roma non sia stata prevista una traduzione in italiano. Ma devo precisare che il sito che comunica ai 450 milioni di europei sui 50 anni del Trattato e' un altro ed e' in 19 lingue, compreso l'italiano''. Lo ha detto il portavoce della Commissione Ue, Pietro Petrucci, rispondendo alle domande dei giornalisti sulle proteste del vicepresidente Franco Frattini. Petrucci ha quindi precisato che il sito contestato da Frattini e' un'iniziativa della direzione generale Relazioni esterne della Commissione ''pensato per informare i paesi terzi e quindi diretto verso l'esterno dell'Europa''.(ANSA).

    UE: COMMISSIONE A FRATTINI SU SITO 50 ANNI ROMA, 'INCONCEPIBILE ESLUDERE ITALIANO' Bruxelles, 18 gen.(Aki) – Escludere l'italiano dalle informazioni sul cinquantenario del Trattato di Roma è “inconcepibile”, esiste un sito ufficiale in 19 lingue tra cui l'italiano, l'Italia ha un ruolo molto importante. Hanno risposto così alcuni portavoce della Commissione Europea alle proteste del vicepresidente dell'esecutivo Ue Franco Frattini, che questa mattina ha inviato una dura lettera protestando per il fatto che un sito di Relex, le Relazioni Esterne della Commissione, sui cinquant'anni del Trattato di Roma, è scritto in francese, inglese, tedesco e spagnolo ma non in italiano. “Ovviamente tutti i siti diretti a cittadini Ue sono in tutte le lingue disponibili – ha affermato Mikolaj Dowgielewicz, portavoce del commissario alla Comunicazione Margot Walstroem – esiste un sito ufficiale per i cinquant'anni del Trattato di Roma in 19 lingue realizzato dalla direzione generale Comunicazione. Per noi sarebbe assolutamente inconcepibile escludere l'italiano- ha proseguito – dunque dico ai media italiani di tranquillizzare i propri utenti sul fatto che gli italiani potranno essere regolarmente informati nella loro lingua sulla ricorrenza”. Dowgielewicz ha quindi spiegato che il sito cui si riferisce Frattini “è un sito dedicato all'Europa nel mondo”, aggiungendo comunque che “la questione sollevata dal vicepresidente è di grande importanza e noi vi prestiamo la massima attenzione”. Fonti dell'entourage di Frattini insistono che non è accettabile l'esclusione dell'italiano dal sito Relex in questo caso, vista anche l'ampia diffusione di emigrati di origine italiana nel mondo. E certamente il vicepresidente non è intenzionato a fare buon viso a cattivo gioco.Pietro Petrucci, portavoce (italiano) del nuovo commissario al Multilinguismo Leonard Orban, ha comunque osservato che “è ormai prassi abituale di Relex di usare le tre lingue di lavoro dell'Ue (inglese, francese e tedesco) e lo spagnolo per i siti diretti nel mondo”. Petrucci ha tuttavia sottolineato che “non esistono regole scritte in proposito, ma solo consuetudini”. A chi gli obiettava che l'italiano è la lingua del paese ospite del Trattato di Roma, Petrucci ha risposto laconico. “Direi – ha detto a Bruxelles – che in questo caso Roma ha un valore piuttosto 'geografico' più che specificamente legato a un paese”. La Commissione, che non per la prima volta si trova esposta a critiche per vere o presunte discriminazioni dell'italiano, ha comunque cercato di rassicurare sulla considerazione per l'Italia. “Vorrei ricordare – ha detto ancora Dowgielewicz – che il giorno prima del Consiglio straordinario del 25 marzo a Berlino (dedicato ai cinquant'anni del Trattato fondativo dell'Ue), proprio a Roma avrà luogo un vertice straordinario della gioventù europea sul futuro dell'Ue, che sottolinea il ruolo molto importante che svolge l'Italia”. “Per noi – ha detto anche Pia Ahrenkilde-Hansen, numero due dei portavoci della Commissione – si tratta di un paese da tenere in massima considerazione”. Resta da vedere, a questo punto, se nelle prossime ora le proteste di Frattini sul sito Relex dedicato alla ricorrenza sortiranno l'effetto auspicato. 18-GEN-07 13:47

    UE: COMMISSIONE A FRATTINI, INCONCEPIBILE ESCLUDERE ITALIANO = PORTAVOCE WALSTROEM, ESISTE ALTRA PAGINA INTERNET IN 19 LINGUE Bruxelles, 18 gen. – (Adnkronos/Aki) – Escludere l'italiano dalle informazioni sul cinquantenario del Trattato di Roma e' ''inconcepibile'', esiste un sito ufficiale in 19 lingue tra cui l'italiano, l'Italia ha un ruolo molto importante. Hanno risposto cosi' alcuni portavoce della Commissione Europea alle proteste del vicepresidente dell'esecutivo Ue Franco Frattini, che questa mattina ha inviato una dura lettera protestando per il fatto che un sito Internet di Relex, le Relazioni Esterne della Commissione, sui cinquant'anni del Trattato di Roma, e' scritto in francese, inglese, tedesco e spagnolo ma non in italiano. ''Ovviamente tutti i siti diretti a cittadini Ue sono in tutte le lingue disponibili – ha affermato Mikolaj Dowgielewicz, portavoce del commissario alla Comunicazione Margot Walstroem – esiste un sito ufficiale per i cinquant'anni del Trattato di Roma in 19 lingue realizzato dalla direzione generale Comunicazione. Per noi sarebbe assolutamente inconcepibile escludere l'italiano- ha proseguito – dunque dico ai media italiani di tranquillizzare i propri utenti sul fatto che gli italiani potranno essere regolarmente informati nella loro lingua sulla ricorrenza''. Dowgielewicz ha quindi spiegato che il sito cui si riferisce Frattini ''e' un sito dedicato all'Europa nel mondo'', aggiungendo comunque che ''la questione sollevata dal vicepresidente e' di grande importanza e noi vi prestiamo la massima attenzione''. Fonti dell'entourage di Frattini insistono che non e' accettabile l'esclusione dell'italiano dal sito Relex in questo caso, vista anche l'ampia diffusione di emigrati di origine italiana nel mondo. E certamente il vicepresidente non e'
    intenzionato a fare buon viso a cattivo gioco.(segue)18-GEN-07 14:00

    UE: COMMISSIONE A FRATTINI, INCONCEPIBILE ESCLUDERE ITALIANO (2) = (Adnkronos/Aki) – Pietro Petrucci, portavoce (italiano) del nuovo commissario al Multilinguismo Leonard Orban, ha comunque osservato che ''e' ormai prassi abituale di Relex di usare le tre lingue di lavoro dell'Ue (inglese, francese e tedesco) e lo spagnolo per i siti diretti nel mondo''. Petrucci ha tuttavia sottolineato che ''non esistono regole scritte in proposito, ma solo consuetudini''. A chi gli obiettava che l'italiano e' la lingua del paese ospite del Trattato di Roma, Petrucci ha risposto laconico. ''Direi – ha detto a Bruxelles – che in questo caso Roma ha un valore piuttosto 'geografico' piu' che specificamente legato a un paese''. La Commissione, che non per la prima volta si trova esposta a critiche per vere o presunte discriminazioni dell'italiano, ha comunque cercato di rassicurare sulla considerazione per l'Italia. ''Vorrei ricordare – ha detto ancora Dowgielewicz – che il giorno prima del Consiglio straordinario del 25 marzo a Berlino (dedicato ai cinquant'anni del Trattato fondativo dell'Ue), proprio a Roma avra' luogo un vertice straordinario della gioventu' europea sul futuro dell'Ue, che sottolinea il ruolo molto importante che svolge l'Italia''. ''Per noi – ha detto anche Pia Ahrenkilde-Hansen, numero due dei portavoci della Commissione – si tratta di un paese da tenere in massima considerazione''. Resta da vedere, a questo punto, se nelle prossime ora le proteste di Frattini sul sito Relex dedicato alla ricorrenza sortiranno l'effetto auspicato.18-GEN-07 14:11

    UE: SITO SU 50 ANNI ROMA, PROTESTA ANCHE AMBASCIATORE ITALIANO = Bruxelles, 18 gen. -(Aki) – Anche il rappresentante permanente d'Italia presso l'Ue, ambasciatore Rocco Cangelosi, ha protestato per l'assenza della lingua italiana nel sito Internet realizzato da Relex, le Relazioni esterne della Commissione Europea, sui cinquant'anni della firma del Trattato di Roma. E' quanto rende noto un comunicato diffuso dalla rappresentanza d'Italia a Bruxelles. Già in mattinata il vicepresidente dell'esecutivo comunitario Franco Frattini aveva scritto una dura lettera di protesta per la questione. L'ambasciatore Cangelosi, si legge nella nota, “ha espresso sorpresa e disappunto per l'iniziativa della Direzione generale Relazioni Esterne della Commissione volta alla pubblicazione di un sito informativo in quattro lingue (inglese, francese, tedesco, spagnolo) sul 50° Anniversario della firma dei Trattati di Roma destinato ai cittadini dei Paesi Terzi”. In particolare, prosegue la nota, “l'ambasciatore Cangelosi ha manifestato la sua ferma protesta attraverso il capo di gabinetto del commissario competente per le Relazioni Esterne Benita Ferrero Waldner per l'assenza della lingua italiana”.Cangelosi, si legge nel testo, “ha sottolineato come ci sia stata una evidente mancanza di rispetto delle regole istituzionali in materia linguistica e un altrettanto grave mancanza di sensibilità politica verso il Paese nel quale i Trattati sono stati firmati e verso i milioni di Italiani nel Mondo”. L'ambasciatore, conclude la nota, “ha ottenuto dal rappresentante della Commissione assicurazioni circa un suo pronto intervento tendente a risolvere rapidamente questo spiacevole episodio”.18-GEN-07 14:49

    UE: SITO SU 50 ANNI ROMA, PROTESTA ANCHE AMBASCIATORE ITALIANO = 'ASSICURAZIONI' DALLA COMMISSIONE DI PRONTA SOLUZIONE A QUESTIONE Bruxelles, 18 gen. – (Adnkronos/Aki) – Anche il rappresentante permanente d'Italia presso l'Ue, ambasciatore Rocco Cangelosi, ha protestato per l'assenza della lingua italiana nel sito Internet realizzato da Relex, le Relazioni esterne della Commissione Europea, sui cinquant'anni della firma del Trattato di Roma. E' quanto rende noto un comunicato diffuso dalla rappresentanza d'Italia a Bruxelles. Gia' in mattinata il vicepresidente dell'esecutivo comunitario, Franco Frattini, aveva scritto una dura lettera di protesta per la questione. L'ambasciatore Cangelosi, si legge nella nota, ''ha espresso sorpresa e disappunto per l'iniziativa della Direzione generale Relazioni Esterne della Commissione volta alla pubblicazione di un sito informativo in quattro lingue (inglese, francese, tedesco, spagnolo) sul 50° Anniversario della firma dei Trattati di Roma destinato ai cittadini dei Paesi Terzi''. In particolare, prosegue la nota, ''l'ambasciatore Cangelosi ha manifestato la sua ferma protesta attraverso il capo di gabinetto del commissario competente per le Relazioni Esterne Benita Ferrero Waldner per l'assenza della lingua italiana''. Cangelosi, si legge nel testo, ''ha sottolineato come ci sia stata una evidente mancanza di rispetto delle regole istituzionali in materia linguistica e un altrettanto grave mancanza di sensibilita' politica verso il Paese nel quale i Trattati sono stati firmati e verso i milioni di Italiani nel Mondo''. L'ambasciatore, conclude la nota, ''ha ottenuto dal rappresentante della Commissione assicurazioni circa un suo pronto intervento tendente a risolvere rapidamente questo spiacevole episodio''.18-GEN-07 14:53

    Apc-UE/ COMMISSIONE: “IMPENSABILE” ESCLUSIONE ITALIANO DA WEB – RPT [1]Sito su celebrazioni anniversario Trattato Roma sarà in 19 lingue Bruxelles, 18 gen. (APCom) – Rettifica della Commissione europea sull'esclusione dell'italiano dal sito internet dedicato alle celebrazioni per il 50esimo anniversario del Trattato di Roma: il portavoce dell'Esecutivo comunitario per le Relazioni istituzionali e la Comunicazione, Mikolaj Dowgielewicz, ha assicurato oggi che sarebbe “impensabile” avere una pagina web dedicata a questo evento non disponibile in italiano. Dowgielewicz ha precisato che il portale della Direzione generale Comunicazione messo a punto a tal fine sul sito della Commissione europea “è disponibile in 19 lingue”. L'equivoco era sorto dal fatto che un link della sessione “Relazioni esterne” del sito internet della Commissione dedicato alle stesse celebrazioni è stato reso disponibile solo in inglese, francese, tedesco e spagnolo, sollevando la protesta del vicepresidente della Commissione, Franco Frattini. Quanto a questa specifica pagina web, la spiegazione fornita dalla Commissione è che la Direzione generale relazioni esterne ha stabilito di fornire la sua sezione del sito internet comunitario in queste quattro lingue, data l'importanza particolare dello spagnolo nelle relazioni internazionali, soprattutto con l'America Latina. A chi gli chiedeva se non sarebbe stato comunque più ragionevole per la Dg relazioni esterne tradurre anche in italiano almeno il link specifico sul Trattato di Roma, il portavoce della Commissione al Multilinguismo, Pietro Petrucci ha risposto: “Nonostante Roma sia la Capitale del mio Paese, il fatto che il Trattato sia stato firmato lì è prevalentemente una questione geografica: possiamo capire che per gli italiani sia motivo di rammarico ma la decisione presa (dalla Dg Relazioni esterne, ndr) è questa”.181501 gen 07

    [addsig]

  • UE:50*TRATTATI ROMA, FRATTINI DENUNCIA,MANCA ITALIANO DAL SITO = (AGI) – Bruxelles, 18 gen. – Debutta il sito per il cinquantesimo anniversario del trattato di Roma, e va in scena un'ennesima esclusione della lingua italiana, che il vicepresidente Frattini ha accolto con amarezza e profonda insoddisfazione denunciando pubblicamente il fatto. Il sito, destinato a promuovere l'anniversario e le diverse manifestazioni che si terranno nel mondo, utilizza le tre cosiddette lingue di lavoro, inglese, francese e tedesco, piu' lo spagnolo. “Si troveranno certo argomenti tecnici e burocratici per giustificare la scelta di illustrare un sito che ricorda i 50 anni del Trattato di Roma soltanto nelle cosiddette tre lingue di lavoro (inglese, francese e tedesco) e nello spagnolo.- esordisce Franco Frattini secondo quanto si legge in un comunicato – Ma non posso tacere la mia amarezza e la mia profonda insoddisfazione per questa scelta che colpisce la lingua italiana”. “La Commissione non puo' e non deve – a maggior ragione nel momento in cui intende interpretare una funzione informativa – ignorare aspetti del proprio passato e del presente decisivi nell'alimentarne la memoria collettiva. Celebriamo i 50 anni di una storia che e' cominciata a Roma – ricorda il commissario responsabile della giustizia, sicurezza e liberta' – e ci rivolgiamo ai popoli ed alle comunita' linguistiche che abitano il mondo ignorando volutamente la lingua del Paese che ha ospitato Roma e che conosce nel mondo una delle comunita' linguistiche piu' numerose. L'Europa della comunicazione deve saper essere l'Europa viva e gelosa della propria storia e dei propri simboli. E mi auguro quindi che si ponga rimedio con urgenza a questa grave dimenticanza”. (AGI) 181144 GEN 07

    UE: TRATTATO ROMA; COMMISSIONE RISPONDE A PROTESTE FRATTINI (V.UE: TRATTATO ROMA; NON IN ITALIANO SU WEB… DELLE 10,52) (ANSA) – BRUXELLES, 18 GEN – ''Sono un portavoce italiano e certamente mi rammarico anch'io che nel sito sul 50/mo anniversario del Trattato di Roma non sia stata prevista una traduzione in italiano. Ma devo precisare che il sito che comunica ai 450 milioni di europei sui 50 anni del Trattato e' un altro ed e' in 19 lingue, compreso l'italiano''. Lo ha detto il portavoce della Commissione Ue, Pietro Petrucci, rispondendo alle domande dei giornalisti sulle proteste del vicepresidente Franco Frattini. Petrucci ha quindi precisato che il sito contestato da Frattini e' un'iniziativa della direzione generale Relazioni esterne della Commissione ''pensato per informare i paesi terzi e quindi diretto verso l'esterno dell'Europa''.(ANSA).

    UE: COMMISSIONE A FRATTINI SU SITO 50 ANNI ROMA, 'INCONCEPIBILE ESLUDERE ITALIANO' Bruxelles, 18 gen.(Aki) – Escludere l'italiano dalle informazioni sul cinquantenario del Trattato di Roma è “inconcepibile”, esiste un sito ufficiale in 19 lingue tra cui l'italiano, l'Italia ha un ruolo molto importante. Hanno risposto così alcuni portavoce della Commissione Europea alle proteste del vicepresidente dell'esecutivo Ue Franco Frattini, che questa mattina ha inviato una dura lettera protestando per il fatto che un sito di Relex, le Relazioni Esterne della Commissione, sui cinquant'anni del Trattato di Roma, è scritto in francese, inglese, tedesco e spagnolo ma non in italiano. “Ovviamente tutti i siti diretti a cittadini Ue sono in tutte le lingue disponibili – ha affermato Mikolaj Dowgielewicz, portavoce del commissario alla Comunicazione Margot Walstroem – esiste un sito ufficiale per i cinquant'anni del Trattato di Roma in 19 lingue realizzato dalla direzione generale Comunicazione. Per noi sarebbe assolutamente inconcepibile escludere l'italiano- ha proseguito – dunque dico ai media italiani di tranquillizzare i propri utenti sul fatto che gli italiani potranno essere regolarmente informati nella loro lingua sulla ricorrenza”. Dowgielewicz ha quindi spiegato che il sito cui si riferisce Frattini “è un sito dedicato all'Europa nel mondo”, aggiungendo comunque che “la questione sollevata dal vicepresidente è di grande importanza e noi vi prestiamo la massima attenzione”. Fonti dell'entourage di Frattini insistono che non è accettabile l'esclusione dell'italiano dal sito Relex in questo caso, vista anche l'ampia diffusione di emigrati di origine italiana nel mondo. E certamente il vicepresidente non è intenzionato a fare buon viso a cattivo gioco.Pietro Petrucci, portavoce (italiano) del nuovo commissario al Multilinguismo Leonard Orban, ha comunque osservato che “è ormai prassi abituale di Relex di usare le tre lingue di lavoro dell'Ue (inglese, francese e tedesco) e lo spagnolo per i siti diretti nel mondo”. Petrucci ha tuttavia sottolineato che “non esistono regole scritte in proposito, ma solo consuetudini”. A chi gli obiettava che l'italiano è la lingua del paese ospite del Trattato di Roma, Petrucci ha risposto laconico. “Direi – ha detto a Bruxelles – che in questo caso Roma ha un valore piuttosto 'geografico' più che specificamente legato a un paese”. La Commissione, che non per la prima volta si trova esposta a critiche per vere o presunte discriminazioni dell'italiano, ha comunque cercato di rassicurare sulla considerazione per l'Italia. “Vorrei ricordare – ha detto ancora Dowgielewicz – che il giorno prima del Consiglio straordinario del 25 marzo a Berlino (dedicato ai cinquant'anni del Trattato fondativo dell'Ue), proprio a Roma avrà luogo un vertice straordinario della gioventù europea sul futuro dell'Ue, che sottolinea il ruolo molto importante che svolge l'Italia”. “Per noi – ha detto anche Pia Ahrenkilde-Hansen, numero due dei portavoci della Commissione – si tratta di un paese da tenere in massima considerazione”. Resta da vedere, a questo punto, se nelle prossime ora le proteste di Frattini sul sito Relex dedicato alla ricorrenza sortiranno l'effetto auspicato. 18-GEN-07 13:47

    UE: COMMISSIONE A FRATTINI, INCONCEPIBILE ESCLUDERE ITALIANO = PORTAVOCE WALSTROEM, ESISTE ALTRA PAGINA INTERNET IN 19 LINGUE Bruxelles, 18 gen. – (Adnkronos/Aki) – Escludere l'italiano dalle informazioni sul cinquantenario del Trattato di Roma e' ''inconcepibile'', esiste un sito ufficiale in 19 lingue tra cui l'italiano, l'Italia ha un ruolo molto importante. Hanno risposto cosi' alcuni portavoce della Commissione Europea alle proteste del vicepresidente dell'esecutivo Ue Franco Frattini, che questa mattina ha inviato una dura lettera protestando per il fatto che un sito Internet di Relex, le Relazioni Esterne della Commissione, sui cinquant'anni del Trattato di Roma, e' scritto in francese, inglese, tedesco e spagnolo ma non in italiano. ''Ovviamente tutti i siti diretti a cittadini Ue sono in tutte le lingue disponibili – ha affermato Mikolaj Dowgielewicz, portavoce del commissario alla Comunicazione Margot Walstroem – esiste un sito ufficiale per i cinquant'anni del Trattato di Roma in 19 lingue realizzato dalla direzione generale Comunicazione. Per noi sarebbe assolutamente inconcepibile escludere l'italiano- ha proseguito – dunque dico ai media italiani di tranquillizzare i propri utenti sul fatto che gli italiani potranno essere regolarmente informati nella loro lingua sulla ricorrenza''. Dowgielewicz ha quindi spiegato che il sito cui si riferisce Frattini ''e' un sito dedicato all'Europa nel mondo'', aggiungendo comunque che ''la questione sollevata dal vicepresidente e' di grande importanza e noi vi prestiamo la massima attenzione''. Fonti dell'entourage di Frattini insistono che non e' accettabile l'esclusione dell'italiano dal sito Relex in questo caso, vista anche l'ampia diffusione di emigrati di origine italiana nel mondo. E certamente il vicepresidente non e'
    intenzionato a fare buon viso a cattivo gioco.(segue)18-GEN-07 14:00

    UE: COMMISSIONE A FRATTINI, INCONCEPIBILE ESCLUDERE ITALIANO (2) = (Adnkronos/Aki) – Pietro Petrucci, portavoce (italiano) del nuovo commissario al Multilinguismo Leonard Orban, ha comunque osservato che ''e' ormai prassi abituale di Relex di usare le tre lingue di lavoro dell'Ue (inglese, francese e tedesco) e lo spagnolo per i siti diretti nel mondo''. Petrucci ha tuttavia sottolineato che ''non esistono regole scritte in proposito, ma solo consuetudini''. A chi gli obiettava che l'italiano e' la lingua del paese ospite del Trattato di Roma, Petrucci ha risposto laconico. ''Direi – ha detto a Bruxelles – che in questo caso Roma ha un valore piuttosto 'geografico' piu' che specificamente legato a un paese''. La Commissione, che non per la prima volta si trova esposta a critiche per vere o presunte discriminazioni dell'italiano, ha comunque cercato di rassicurare sulla considerazione per l'Italia. ''Vorrei ricordare – ha detto ancora Dowgielewicz – che il giorno prima del Consiglio straordinario del 25 marzo a Berlino (dedicato ai cinquant'anni del Trattato fondativo dell'Ue), proprio a Roma avra' luogo un vertice straordinario della gioventu' europea sul futuro dell'Ue, che sottolinea il ruolo molto importante che svolge l'Italia''. ''Per noi – ha detto anche Pia Ahrenkilde-Hansen, numero due dei portavoci della Commissione – si tratta di un paese da tenere in massima considerazione''. Resta da vedere, a questo punto, se nelle prossime ora le proteste di Frattini sul sito Relex dedicato alla ricorrenza sortiranno l'effetto auspicato.18-GEN-07 14:11

    UE: SITO SU 50 ANNI ROMA, PROTESTA ANCHE AMBASCIATORE ITALIANO = Bruxelles, 18 gen. -(Aki) – Anche il rappresentante permanente d'Italia presso l'Ue, ambasciatore Rocco Cangelosi, ha protestato per l'assenza della lingua italiana nel sito Internet realizzato da Relex, le Relazioni esterne della Commissione Europea, sui cinquant'anni della firma del Trattato di Roma. E' quanto rende noto un comunicato diffuso dalla rappresentanza d'Italia a Bruxelles. Già in mattinata il vicepresidente dell'esecutivo comunitario Franco Frattini aveva scritto una dura lettera di protesta per la questione. L'ambasciatore Cangelosi, si legge nella nota, “ha espresso sorpresa e disappunto per l'iniziativa della Direzione generale Relazioni Esterne della Commissione volta alla pubblicazione di un sito informativo in quattro lingue (inglese, francese, tedesco, spagnolo) sul 50° Anniversario della firma dei Trattati di Roma destinato ai cittadini dei Paesi Terzi”. In particolare, prosegue la nota, “l'ambasciatore Cangelosi ha manifestato la sua ferma protesta attraverso il capo di gabinetto del commissario competente per le Relazioni Esterne Benita Ferrero Waldner per l'assenza della lingua italiana”.Cangelosi, si legge nel testo, “ha sottolineato come ci sia stata una evidente mancanza di rispetto delle regole istituzionali in materia linguistica e un altrettanto grave mancanza di sensibilità politica verso il Paese nel quale i Trattati sono stati firmati e verso i milioni di Italiani nel Mondo”. L'ambasciatore, conclude la nota, “ha ottenuto dal rappresentante della Commissione assicurazioni circa un suo pronto intervento tendente a risolvere rapidamente questo spiacevole episodio”.18-GEN-07 14:49

    UE: SITO SU 50 ANNI ROMA, PROTESTA ANCHE AMBASCIATORE ITALIANO = 'ASSICURAZIONI' DALLA COMMISSIONE DI PRONTA SOLUZIONE A QUESTIONE Bruxelles, 18 gen. – (Adnkronos/Aki) – Anche il rappresentante permanente d'Italia presso l'Ue, ambasciatore Rocco Cangelosi, ha protestato per l'assenza della lingua italiana nel sito Internet realizzato da Relex, le Relazioni esterne della Commissione Europea, sui cinquant'anni della firma del Trattato di Roma. E' quanto rende noto un comunicato diffuso dalla rappresentanza d'Italia a Bruxelles. Gia' in mattinata il vicepresidente dell'esecutivo comunitario, Franco Frattini, aveva scritto una dura lettera di protesta per la questione. L'ambasciatore Cangelosi, si legge nella nota, ''ha espresso sorpresa e disappunto per l'iniziativa della Direzione generale Relazioni Esterne della Commissione volta alla pubblicazione di un sito informativo in quattro lingue (inglese, francese, tedesco, spagnolo) sul 50° Anniversario della firma dei Trattati di Roma destinato ai cittadini dei Paesi Terzi''. In particolare, prosegue la nota, ''l'ambasciatore Cangelosi ha manifestato la sua ferma protesta attraverso il capo di gabinetto del commissario competente per le Relazioni Esterne Benita Ferrero Waldner per l'assenza della lingua italiana''. Cangelosi, si legge nel testo, ''ha sottolineato come ci sia stata una evidente mancanza di rispetto delle regole istituzionali in materia linguistica e un altrettanto grave mancanza di sensibilita' politica verso il Paese nel quale i Trattati sono stati firmati e verso i milioni di Italiani nel Mondo''. L'ambasciatore, conclude la nota, ''ha ottenuto dal rappresentante della Commissione assicurazioni circa un suo pronto intervento tendente a risolvere rapidamente questo spiacevole episodio''.18-GEN-07 14:53

    Apc-UE/ COMMISSIONE: “IMPENSABILE” ESCLUSIONE ITALIANO DA WEB – RPT [1]Sito su celebrazioni anniversario Trattato Roma sarà in 19 lingue Bruxelles, 18 gen. (APCom) – Rettifica della Commissione europea sull'esclusione dell'italiano dal sito internet dedicato alle celebrazioni per il 50esimo anniversario del Trattato di Roma: il portavoce dell'Esecutivo comunitario per le Relazioni istituzionali e la Comunicazione, Mikolaj Dowgielewicz, ha assicurato oggi che sarebbe “impensabile” avere una pagina web dedicata a questo evento non disponibile in italiano. Dowgielewicz ha precisato che il portale della Direzione generale Comunicazione messo a punto a tal fine sul sito della Commissione europea “è disponibile in 19 lingue”. L'equivoco era sorto dal fatto che un link della sessione “Relazioni esterne” del sito internet della Commissione dedicato alle stesse celebrazioni è stato reso disponibile solo in inglese, francese, tedesco e spagnolo, sollevando la protesta del vicepresidente della Commissione, Franco Frattini. Quanto a questa specifica pagina web, la spiegazione fornita dalla Commissione è che la Direzione generale relazioni esterne ha stabilito di fornire la sua sezione del sito internet comunitario in queste quattro lingue, data l'importanza particolare dello spagnolo nelle relazioni internazionali, soprattutto con l'America Latina. A chi gli chiedeva se non sarebbe stato comunque più ragionevole per la Dg relazioni esterne tradurre anche in italiano almeno il link specifico sul Trattato di Roma, il portavoce della Commissione al Multilinguismo, Pietro Petrucci ha risposto: “Nonostante Roma sia la Capitale del mio Paese, il fatto che il Trattato sia stato firmato lì è prevalentemente una questione geografica: possiamo capire che per gli italiani sia motivo di rammarico ma la decisione presa (dalla Dg Relazioni esterne, ndr) è questa”.181501 gen 07

    [addsig]

  • UE:50*TRATTATI ROMA, FRATTINI DENUNCIA,MANCA ITALIANO DAL SITO = (AGI) – Bruxelles, 18 gen. – Debutta il sito per il cinquantesimo anniversario del trattato di Roma, e va in scena un'ennesima esclusione della lingua italiana, che il vicepresidente Frattini ha accolto con amarezza e profonda insoddisfazione denunciando pubblicamente il fatto. Il sito, destinato a promuovere l'anniversario e le diverse manifestazioni che si terranno nel mondo, utilizza le tre cosiddette lingue di lavoro, inglese, francese e tedesco, piu' lo spagnolo. “Si troveranno certo argomenti tecnici e burocratici per giustificare la scelta di illustrare un sito che ricorda i 50 anni del Trattato di Roma soltanto nelle cosiddette tre lingue di lavoro (inglese, francese e tedesco) e nello spagnolo.- esordisce Franco Frattini secondo quanto si legge in un comunicato – Ma non posso tacere la mia amarezza e la mia profonda insoddisfazione per questa scelta che colpisce la lingua italiana”. “La Commissione non puo' e non deve – a maggior ragione nel momento in cui intende interpretare una funzione informativa – ignorare aspetti del proprio passato e del presente decisivi nell'alimentarne la memoria collettiva. Celebriamo i 50 anni di una storia che e' cominciata a Roma – ricorda il commissario responsabile della giustizia, sicurezza e liberta' – e ci rivolgiamo ai popoli ed alle comunita' linguistiche che abitano il mondo ignorando volutamente la lingua del Paese che ha ospitato Roma e che conosce nel mondo una delle comunita' linguistiche piu' numerose. L'Europa della comunicazione deve saper essere l'Europa viva e gelosa della propria storia e dei propri simboli. E mi auguro quindi che si ponga rimedio con urgenza a questa grave dimenticanza”. (AGI) 181144 GEN 07

    UE: TRATTATO ROMA; COMMISSIONE RISPONDE A PROTESTE FRATTINI (V.UE: TRATTATO ROMA; NON IN ITALIANO SU WEB… DELLE 10,52) (ANSA) – BRUXELLES, 18 GEN – ''Sono un portavoce italiano e certamente mi rammarico anch'io che nel sito sul 50/mo anniversario del Trattato di Roma non sia stata prevista una traduzione in italiano. Ma devo precisare che il sito che comunica ai 450 milioni di europei sui 50 anni del Trattato e' un altro ed e' in 19 lingue, compreso l'italiano''. Lo ha detto il portavoce della Commissione Ue, Pietro Petrucci, rispondendo alle domande dei giornalisti sulle proteste del vicepresidente Franco Frattini. Petrucci ha quindi precisato che il sito contestato da Frattini e' un'iniziativa della direzione generale Relazioni esterne della Commissione ''pensato per informare i paesi terzi e quindi diretto verso l'esterno dell'Europa''.(ANSA).

    UE: COMMISSIONE A FRATTINI SU SITO 50 ANNI ROMA, 'INCONCEPIBILE ESLUDERE ITALIANO' Bruxelles, 18 gen.(Aki) – Escludere l'italiano dalle informazioni sul cinquantenario del Trattato di Roma è “inconcepibile”, esiste un sito ufficiale in 19 lingue tra cui l'italiano, l'Italia ha un ruolo molto importante. Hanno risposto così alcuni portavoce della Commissione Europea alle proteste del vicepresidente dell'esecutivo Ue Franco Frattini, che questa mattina ha inviato una dura lettera protestando per il fatto che un sito di Relex, le Relazioni Esterne della Commissione, sui cinquant'anni del Trattato di Roma, è scritto in francese, inglese, tedesco e spagnolo ma non in italiano. “Ovviamente tutti i siti diretti a cittadini Ue sono in tutte le lingue disponibili – ha affermato Mikolaj Dowgielewicz, portavoce del commissario alla Comunicazione Margot Walstroem – esiste un sito ufficiale per i cinquant'anni del Trattato di Roma in 19 lingue realizzato dalla direzione generale Comunicazione. Per noi sarebbe assolutamente inconcepibile escludere l'italiano- ha proseguito – dunque dico ai media italiani di tranquillizzare i propri utenti sul fatto che gli italiani potranno essere regolarmente informati nella loro lingua sulla ricorrenza”. Dowgielewicz ha quindi spiegato che il sito cui si riferisce Frattini “è un sito dedicato all'Europa nel mondo”, aggiungendo comunque che “la questione sollevata dal vicepresidente è di grande importanza e noi vi prestiamo la massima attenzione”. Fonti dell'entourage di Frattini insistono che non è accettabile l'esclusione dell'italiano dal sito Relex in questo caso, vista anche l'ampia diffusione di emigrati di origine italiana nel mondo. E certamente il vicepresidente non è intenzionato a fare buon viso a cattivo gioco.Pietro Petrucci, portavoce (italiano) del nuovo commissario al Multilinguismo Leonard Orban, ha comunque osservato che “è ormai prassi abituale di Relex di usare le tre lingue di lavoro dell'Ue (inglese, francese e tedesco) e lo spagnolo per i siti diretti nel mondo”. Petrucci ha tuttavia sottolineato che “non esistono regole scritte in proposito, ma solo consuetudini”. A chi gli obiettava che l'italiano è la lingua del paese ospite del Trattato di Roma, Petrucci ha risposto laconico. “Direi – ha detto a Bruxelles – che in questo caso Roma ha un valore piuttosto 'geografico' più che specificamente legato a un paese”. La Commissione, che non per la prima volta si trova esposta a critiche per vere o presunte discriminazioni dell'italiano, ha comunque cercato di rassicurare sulla considerazione per l'Italia. “Vorrei ricordare – ha detto ancora Dowgielewicz – che il giorno prima del Consiglio straordinario del 25 marzo a Berlino (dedicato ai cinquant'anni del Trattato fondativo dell'Ue), proprio a Roma avrà luogo un vertice straordinario della gioventù europea sul futuro dell'Ue, che sottolinea il ruolo molto importante che svolge l'Italia”. “Per noi – ha detto anche Pia Ahrenkilde-Hansen, numero due dei portavoci della Commissione – si tratta di un paese da tenere in massima considerazione”. Resta da vedere, a questo punto, se nelle prossime ora le proteste di Frattini sul sito Relex dedicato alla ricorrenza sortiranno l'effetto auspicato. 18-GEN-07 13:47

    UE: COMMISSIONE A FRATTINI, INCONCEPIBILE ESCLUDERE ITALIANO = PORTAVOCE WALSTROEM, ESISTE ALTRA PAGINA INTERNET IN 19 LINGUE Bruxelles, 18 gen. – (Adnkronos/Aki) – Escludere l'italiano dalle informazioni sul cinquantenario del Trattato di Roma e' ''inconcepibile'', esiste un sito ufficiale in 19 lingue tra cui l'italiano, l'Italia ha un ruolo molto importante. Hanno risposto cosi' alcuni portavoce della Commissione Europea alle proteste del vicepresidente dell'esecutivo Ue Franco Frattini, che questa mattina ha inviato una dura lettera protestando per il fatto che un sito Internet di Relex, le Relazioni Esterne della Commissione, sui cinquant'anni del Trattato di Roma, e' scritto in francese, inglese, tedesco e spagnolo ma non in italiano. ''Ovviamente tutti i siti diretti a cittadini Ue sono in tutte le lingue disponibili – ha affermato Mikolaj Dowgielewicz, portavoce del commissario alla Comunicazione Margot Walstroem – esiste un sito ufficiale per i cinquant'anni del Trattato di Roma in 19 lingue realizzato dalla direzione generale Comunicazione. Per noi sarebbe assolutamente inconcepibile escludere l'italiano- ha proseguito – dunque dico ai media italiani di tranquillizzare i propri utenti sul fatto che gli italiani potranno essere regolarmente informati nella loro lingua sulla ricorrenza''. Dowgielewicz ha quindi spiegato che il sito cui si riferisce Frattini ''e' un sito dedicato all'Europa nel mondo'', aggiungendo comunque che ''la questione sollevata dal vicepresidente e' di grande importanza e noi vi prestiamo la massima attenzione''. Fonti dell'entourage di Frattini insistono che non e' accettabile l'esclusione dell'italiano dal sito Relex in questo caso, vista anche l'ampia diffusione di emigrati di origine italiana nel mondo. E certamente il vicepresidente non e'
    intenzionato a fare buon viso a cattivo gioco.(segue)18-GEN-07 14:00

    UE: COMMISSIONE A FRATTINI, INCONCEPIBILE ESCLUDERE ITALIANO (2) = (Adnkronos/Aki) – Pietro Petrucci, portavoce (italiano) del nuovo commissario al Multilinguismo Leonard Orban, ha comunque osservato che ''e' ormai prassi abituale di Relex di usare le tre lingue di lavoro dell'Ue (inglese, francese e tedesco) e lo spagnolo per i siti diretti nel mondo''. Petrucci ha tuttavia sottolineato che ''non esistono regole scritte in proposito, ma solo consuetudini''. A chi gli obiettava che l'italiano e' la lingua del paese ospite del Trattato di Roma, Petrucci ha risposto laconico. ''Direi – ha detto a Bruxelles – che in questo caso Roma ha un valore piuttosto 'geografico' piu' che specificamente legato a un paese''. La Commissione, che non per la prima volta si trova esposta a critiche per vere o presunte discriminazioni dell'italiano, ha comunque cercato di rassicurare sulla considerazione per l'Italia. ''Vorrei ricordare – ha detto ancora Dowgielewicz – che il giorno prima del Consiglio straordinario del 25 marzo a Berlino (dedicato ai cinquant'anni del Trattato fondativo dell'Ue), proprio a Roma avra' luogo un vertice straordinario della gioventu' europea sul futuro dell'Ue, che sottolinea il ruolo molto importante che svolge l'Italia''. ''Per noi – ha detto anche Pia Ahrenkilde-Hansen, numero due dei portavoci della Commissione – si tratta di un paese da tenere in massima considerazione''. Resta da vedere, a questo punto, se nelle prossime ora le proteste di Frattini sul sito Relex dedicato alla ricorrenza sortiranno l'effetto auspicato.18-GEN-07 14:11

    UE: SITO SU 50 ANNI ROMA, PROTESTA ANCHE AMBASCIATORE ITALIANO = Bruxelles, 18 gen. -(Aki) – Anche il rappresentante permanente d'Italia presso l'Ue, ambasciatore Rocco Cangelosi, ha protestato per l'assenza della lingua italiana nel sito Internet realizzato da Relex, le Relazioni esterne della Commissione Europea, sui cinquant'anni della firma del Trattato di Roma. E' quanto rende noto un comunicato diffuso dalla rappresentanza d'Italia a Bruxelles. Già in mattinata il vicepresidente dell'esecutivo comunitario Franco Frattini aveva scritto una dura lettera di protesta per la questione. L'ambasciatore Cangelosi, si legge nella nota, “ha espresso sorpresa e disappunto per l'iniziativa della Direzione generale Relazioni Esterne della Commissione volta alla pubblicazione di un sito informativo in quattro lingue (inglese, francese, tedesco, spagnolo) sul 50° Anniversario della firma dei Trattati di Roma destinato ai cittadini dei Paesi Terzi”. In particolare, prosegue la nota, “l'ambasciatore Cangelosi ha manifestato la sua ferma protesta attraverso il capo di gabinetto del commissario competente per le Relazioni Esterne Benita Ferrero Waldner per l'assenza della lingua italiana”.Cangelosi, si legge nel testo, “ha sottolineato come ci sia stata una evidente mancanza di rispetto delle regole istituzionali in materia linguistica e un altrettanto grave mancanza di sensibilità politica verso il Paese nel quale i Trattati sono stati firmati e verso i milioni di Italiani nel Mondo”. L'ambasciatore, conclude la nota, “ha ottenuto dal rappresentante della Commissione assicurazioni circa un suo pronto intervento tendente a risolvere rapidamente questo spiacevole episodio”.18-GEN-07 14:49

    UE: SITO SU 50 ANNI ROMA, PROTESTA ANCHE AMBASCIATORE ITALIANO = 'ASSICURAZIONI' DALLA COMMISSIONE DI PRONTA SOLUZIONE A QUESTIONE Bruxelles, 18 gen. – (Adnkronos/Aki) – Anche il rappresentante permanente d'Italia presso l'Ue, ambasciatore Rocco Cangelosi, ha protestato per l'assenza della lingua italiana nel sito Internet realizzato da Relex, le Relazioni esterne della Commissione Europea, sui cinquant'anni della firma del Trattato di Roma. E' quanto rende noto un comunicato diffuso dalla rappresentanza d'Italia a Bruxelles. Gia' in mattinata il vicepresidente dell'esecutivo comunitario, Franco Frattini, aveva scritto una dura lettera di protesta per la questione. L'ambasciatore Cangelosi, si legge nella nota, ''ha espresso sorpresa e disappunto per l'iniziativa della Direzione generale Relazioni Esterne della Commissione volta alla pubblicazione di un sito informativo in quattro lingue (inglese, francese, tedesco, spagnolo) sul 50° Anniversario della firma dei Trattati di Roma destinato ai cittadini dei Paesi Terzi''. In particolare, prosegue la nota, ''l'ambasciatore Cangelosi ha manifestato la sua ferma protesta attraverso il capo di gabinetto del commissario competente per le Relazioni Esterne Benita Ferrero Waldner per l'assenza della lingua italiana''. Cangelosi, si legge nel testo, ''ha sottolineato come ci sia stata una evidente mancanza di rispetto delle regole istituzionali in materia linguistica e un altrettanto grave mancanza di sensibilita' politica verso il Paese nel quale i Trattati sono stati firmati e verso i milioni di Italiani nel Mondo''. L'ambasciatore, conclude la nota, ''ha ottenuto dal rappresentante della Commissione assicurazioni circa un suo pronto intervento tendente a risolvere rapidamente questo spiacevole episodio''.18-GEN-07 14:53

    Apc-UE/ COMMISSIONE: “IMPENSABILE” ESCLUSIONE ITALIANO DA WEB – RPT [1]Sito su celebrazioni anniversario Trattato Roma sarà in 19 lingue Bruxelles, 18 gen. (APCom) – Rettifica della Commissione europea sull'esclusione dell'italiano dal sito internet dedicato alle celebrazioni per il 50esimo anniversario del Trattato di Roma: il portavoce dell'Esecutivo comunitario per le Relazioni istituzionali e la Comunicazione, Mikolaj Dowgielewicz, ha assicurato oggi che sarebbe “impensabile” avere una pagina web dedicata a questo evento non disponibile in italiano. Dowgielewicz ha precisato che il portale della Direzione generale Comunicazione messo a punto a tal fine sul sito della Commissione europea “è disponibile in 19 lingue”. L'equivoco era sorto dal fatto che un link della sessione “Relazioni esterne” del sito internet della Commissione dedicato alle stesse celebrazioni è stato reso disponibile solo in inglese, francese, tedesco e spagnolo, sollevando la protesta del vicepresidente della Commissione, Franco Frattini. Quanto a questa specifica pagina web, la spiegazione fornita dalla Commissione è che la Direzione generale relazioni esterne ha stabilito di fornire la sua sezione del sito internet comunitario in queste quattro lingue, data l'importanza particolare dello spagnolo nelle relazioni internazionali, soprattutto con l'America Latina. A chi gli chiedeva se non sarebbe stato comunque più ragionevole per la Dg relazioni esterne tradurre anche in italiano almeno il link specifico sul Trattato di Roma, il portavoce della Commissione al Multilinguismo, Pietro Petrucci ha risposto: “Nonostante Roma sia la Capitale del mio Paese, il fatto che il Trattato sia stato firmato lì è prevalentemente una questione geografica: possiamo capire che per gli italiani sia motivo di rammarico ma la decisione presa (dalla Dg Relazioni esterne, ndr) è questa”.181501 gen 07

    [addsig]

Lascia un commento

0:00
0:00