Razzismo linguistico

L’attrice comica Geppi Cucciari intervistata da Grazia:

E l’emancipazione femminile?

“Guardi il vocabolario. Alla voce “zitella” è scritto donna con bellezza sfiorita. Alla voce “scapolo”: playboy impenitente”.

Dobbiamo combattere anche contro i dizionari, adesso?

“E’ razzismo, razzismo delle parole. Le donne hanno i capelli bianchi, gli uomini sono brizzolati; noi abbiamo la cellulite, loro le maniglie dell’amore; loro sono single e noi zitelle; lui non si sposa perché ha la sindrome di Peter Pan, noi, invece, perché siamo brutte. Ma ci sono uomini di bruttezza imbarazzante che osano farci la corte e cercare di sedurci. E’ come se io cercassi di sedurre Brad Pitt!”…

(Da “Ragazzi, fateci la corte solo se siete belli”, Grazia n. 10, marzo – 2009).

[addsig]

Lascia un commento

0:00
0:00