+3906689791 scrivici@era.ong

Salviamo i giovani europei dall’Inglese dopo la Brexit

80,00

L’Europa così come i nostri politici da quattro anni ci vogliono nascondere il fatto che «Se non c’è il Regno Unito non c’è l’inglese». Non l’ha fatto invece Danuta Hübner, Presidente del Comitato per gli Affari Costituzionali del Parlamento europeo (AFCO), il 27 giugno 2016 che ha spiegato anche perché se non c’è il Regno Unito non c’è l’inglese anche se l’inglese è la 2a lingua ufficiale di due ex colonie britanniche di appena 5 milioni di persone come Irlanda del sud e Malta insieme.
Politici ed intellettuali corrotti sostenuti da interessate quanto servili gruppi di pressione vogliono ancora concedere al Regno Unito risorse umane ed economiche nonostante esso sia ora uno Stato avversario della costruzione europea. Noi Paesi non anglofoni veniamo costretti ad investire sempre più risorse economiche e umane nell’apprendimento dell’inglese. Solo nell’UE i costi della discriminazione linguistica per i 445 milioni di europei non lingua madre inglese sono stimate, per difetto, in € 487.408.500.000,00 l’anno (quattrocento ottantasette  miliardi quattrocento otto milioni cinquecentomila Euro Cfr. Áron Lukács) per essere, sempre e comunque, eterni secondi rispetto ad un anglofono dalla nascita. Considerato che la popolazione mondiale è di 7,7 miliardi di persone  delle quali 380 milioni sono madre lingua inglese  se le restanti 7.320.000.000 persone avessero un grado di sviluppo/benessere pari a quei cittadini europei, la cifra stimata per apprendere l’inglese sarebbe di € 8.015.400.000.000,00 (ottomila quindici miliardi e quattrocento milioni di Euro all’anno! Ma le cifre lievitano se consideriamo altri fattori, così come il numero delle discriminazioni che subiamo per il propagarsi mondiale del nazionalismo/colonialismo linguistico inglese: qui ne abbiamo individuati almeno DIECI.
Tutto ciò è ben peggiore della tassazione che subivano i coloni americani da parte del Regno Unito nel ‘700 ma qui, la questione intollerabile è che sono i nostri stessi governanti, sostenuti da interessate quanto servili gruppi di pressione,  a vessarci sia economicamente che umanamente.

COD: Salviamo i bimbi italiani dal colonialismo Categoria:

Nota esplicativa

Per le organizzazioni non lucrative di utilità sociale è stato aumentato il limite massimo di spesa è di 30.000 e per le quali spetta una detrazione pari al 26%.
Stesso beneficio anche per la deduzione delle erogazioni liberali in denaro il cui limite passa a euro 30.000 o al 2% del reddito d’impresa dichiarato, a partire dalle donazioni effettuate dal 1° gennaio dell’anno precedente.
Ai fini di dichiarazione dei redditi, la donazione va semplicemente dichiarata senza che vi sia la necessità di allegare alcuna documentazione di spesa, la quale però va conservata dal contribuente fino al 31 dicembre del quarto anno successivo a quello di presentazione del 730 o Unico, ed esibita qualora venga richiesta dall’Agenzia delle Entrate, in sede di controllo ed accertamento della dichiarazione.

0:00
0:00