Politecnico Milano – Nasce corso di laurea magistrale di Ingegneria della mobilità, in inglese

La sentenza della Corte Costituzionale? Ma siamo il Politecnico di Milano!!!

Politecnico Milano: nasce corso di laurea in ingegneria della mobilità

Coinvolte 13 grandi imprese ed enti (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

Il Politecnico di Milano, insieme a 13 enti e imprese di piano attive nel settore dei trasporti, hanno presentato oggi il nuovo corso di laurea magistrale in “mobility engineering” che mira a offrire agli studenti dell’ateneo (inizialmente si guarda a un target di 50 studenti) la possibilità di presentarsi sul mercato del lavoro con una formazione unica nel suo genere e con un approccio olistico ai temi della mobilità nella società di oggi e soprattutto di domani. Il corso è stato presentato oggi dal Rettore dell’Ateneo Ferruccio Resta, da Renato Mazzoncini, Docente di Mobility, Infrastructures & Services ed ex amministratore delegato delle Fs e da Dario Zaninelli, Coordinatore della commissione per la progettazione della nuova Laurea Magistrale. Il nuovo Corso, attivo dal prossimo anno accademico 2019/2020, sarà erogato in lingua inglese. Nel board del corso siederanno rappresentanti delle 13 imprese ed enti che hanno accettato di far parte del progetto fornendo personale docente e offrendo soprattutto agli studenti la possibilità di integrare i propri studi con stage in azienda nell’ottica di un sempre maggiore connubio fra mondo accademico e mondo delle imprese. Le 13 imprese includono Trenitalia, Hitachi Rail, Ansaldo Sts, Trenord, Alstom Italia, Mermec, Atm, Lucchini Rs, Metra e Italscania. Presenti nel bord anche rappresentanti dell’autostrada Brebemi, di EvoBus Italia e di Risorse Umane Brescia Mobilità. Un progetto pilota e’ già partito in realtà con questo anno accademico e vede coinvolti una trentina di studenti che lavorano sui progetti per la mobilità del futuro, della decabornizzazione, dell’energia elettrica ma non solo e della gestione dei big data.

ilsole24ore.com | 1.2.2019

]]>

Lascia un commento

0:00
0:00