Non mi fido delle persone che sono dalla mia parte ma che non parlano la mia lingua (Leoluca Orlando)

Il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando all'Apertura della Settimana della Pace di Ginevra 2020

Hum, Pierre, quello che lei dice, sono sicuro, trova molta rispondenza per il sindaco Leoluca Orlando,  il problema di dare una visione ai giovani, il problema di affrontare tanta complessità allo stesso tempo,  dai flussi di rifugiati, da… ehm… voglio dire, l’elenco è così lungo che non voglio nemmeno iniziare a enunciarlo.  Leoluca, lei come… come sindaco, come affronta questa questione della costruzione della fiducia,  dopo tutto questo sconvolgimento, il Covid è solo uno ora, molte persone hanno perso i propri cari,  … lei come… come… vede il suo ruolo di sindaco in questo processo di costruzione della fiducia?
(Deve attivare il suo audio)

Salve, buon pomeriggio, a tutti voi. Vorrei dire salve al moderatore Achim Wennmann.  Questa è la cerimonia di apertura della Settimana della Pace 2020.  Penso di dover dire grazie per l’invito e l’annotazione devo solo dire, porgete i miei cordiali saluti a Sami Kanaan.  Dico solo che mi sento svizzero per le mie numerose presenze in Svizzera  e anche essendo nato il 1 agosto, gli svizzeri sanno è un giorno molto importante per voi, per il paese,  ma io vengo da Palermo e Palermo non è una città europea, Palermo è una città mediorientale in Europa. Significa che è mediterranea, non solo europea  e la mia opinione sulla fiducia è che possiamo promuovere la fiducia, dobbiamo promuovere la fiducia semplicemente condividendo una lingua.  Penso che questa iniziativa, e desidero dire che la mia convinzione per questa iniziativa  è quella di provare a farci firmare un accordo linguistico semplicemente per usare la stessa lingua perché ho fiducia nelle persone che parlano la mia lingua,  non mi fido delle persone che sono dalla mia parte ma che non parlano la mia lingua.  Quindi possiamo avere opinioni diverse ma condividiamo la lingua.  Quindi desidero ricordare … questo significa un pezzo  e un mondo, come ha detto Tatiana Valovaya ha detto  e dietro di me, potete vedere davvero tutti i libri, perciò l’analogico,  e davanti a me c’è l’iPad, cioè il digitale. Il virus e digitale sono entrambi davvero globali.  Ora penso che sia necessario che condividiamo la lingua.  Dobbiamo solo condividere l’opinione che dobbiamo cambiare la nostra percezione del tempo,  dobbiamo cambiare la nostra percezione dello spazio. Mi sento proprio come  un sindaco in fase iniziale. È molto buffo che io mi senta un sindaco in fase iniziale, perché  la prima volta che sono stato eletto sindaco fu nel 1985 ma penso che, dopo il virus e il digitale,  abbiamo l’opportunità di avere proprio un approccio diverso di fronte alla dimensione della vita.  Ritornando a Palermo: Palermo è passata dal far valere la legge alla promozione dei diritti umani.  Non c’è nessuna città in Europa così cambiata culturalmente come Palermo negli ultimi 40 anni. 40 anni fa,  il sindaco aveva il volto del boss mafioso. La Chiesa era… aveva il volto della mafia. I ministri, il governo, gli imprenditori avevano tutti il volto della mafia. Dopo 40 anni  posso dire che la mafia esiste ancora, non solo… non solo a Ginevra anche a Palermo, ma la mafia  non governa la città di Palermo, sa che grande cambiamento, e noi siamo cambiati grazie,  per favore, “grazie”, “grazie” alla mafia perché la mafia ha ucciso così tanto che ha obbligato, aiutato,  invitato tutti a cambiare il nostro stile di vita e adesso per noi non è abbastanza rispettare la legge,  vogliamo rispettare e promuovere i diritti umani. Difendiamo i diritti umani di tutti.  Difendiamo i diritti umani degli omosessuali, dei bambini, di tutto il popolo, dei migranti, di tutti, perché  crediamo nell’espressione “Io sono una persona, noi siamo una comunità”. “Io sono una persona” è alternativo all’individualismo.  “Siamo una comunità” è alternativo ai gruppi chiusi, all’appartenenza chiusa. E la pace,  la pace, secondo me, è il primo… il primo diritto umano, il primo diritto umano comunitario,  proprio come l’identità è il primo diritto umano individuale.  Adesso e su questa linea di cambiamento a Palermo, credo …  … perché abbiamo scoperto l’importanza dei diritti umani.  Partendo dalla lotta alla mafia, partendo dalla lotta semplicemente per il rispetto della legge,  abbiamo alla fine scoperto che in molti casi, sa, le leggi sono contro i diritti.  E la mia opinione è che i palermitani, dopo questa lotta, siano molto meglio di prima.  È la stessa opinione: penso che, grazie ad Osama Bin Laden, i musulmani saranno migliori  e grazie ad Adolf Hitler, i tedeschi saranno migliori di prima  perché siamo stati costretti ad aprire gli occhi, ad aprire la bocca, ad aprire qui,  siamo stati costretti semplicemente a vedere quanto fosse terribile la perversione della nostra identità e parlo di identità. 

Quindi questo potrebbe… questo potrebbe permettermi di entrare in questo qui, perché  si collega al concetto di come Palermo come città costruisce le sue attività a Palermo  in un partenariato globale di attori e anche rispetto al movimento globale.  Lei è stato all’avanguardia in un movimento di… in effetti, di promozione  di uno spostamento dall’applicazione della legge ad approcci basati sul potere dei diritti umani nella città.  Quindi come… come giudicherebbe o quale sarebbe la parte condivisibile di …  quali sarebbero le sue esperienze 002sull’importanza di questa connessione della città ad un partenariato globale  per aiutarvi ad affrontare i problemi che avete proprio davanti a casa vostra?

Sono copresidente e cofondatore del Parlamento Globale dei Sindaci che ha sede a L’Aia, in Olanda  e ho appena partecipato a molte attività, in Messico, in Colombia, in Perù, Stati Uniti d’America,  in Georgia Caucaso, in  in Francia, in Germania e ovunque, penso che possiamo inviare un messaggio dal livello locale.  Penso che in questo momento dobbiamo semplicemente cambiare idea su tre opinioni fondamentali.  Identità: io sono contro il sangue… la legge del sangue.  Non sono palermitano perché mio padre e mia madre erano palermitani,  sono palermitano perché ho deciso di essere palermitano  e, dopo questo discorso, ho il diritto, ho la libertà di decidere di diventare tunisino ed ebreo o tedesco e indù.  L’identità è il primo dei diritti umani individuali.  Il secondo: stato. Noi rifiutiamo l’idea che lo stato esista all’interno di uno spazio.  Se parli con i giovani, un ventenne, che cos’è uno Stato? Non capisce.  Per i giovani solo il mondo esiste davvero, solo il villaggio esiste davvero.  Ciò che sta in mezzo, tra il mondo e il villaggio, è il nemico della felicità.  E, infine, la patria. Io rifiuto l’idea che la mia identità venga da mio padre e da mia madre,  rifiuto l’idea che la mia patria sia scelta da mio padre e da mia madre.  Ho il diritto di decidere cosa …. quale … qual è la mia patria  perché, credetemi, solo in nome della libertà, solo in nome dell’amore, posso avere come patria l’Italia.  La nazionale … l’inno musicale nazionale dell’Italia non si può ascoltare, è terribile, è orribile  ma è una mia scelta. Quindi mi alzo, mi metto la mano sul cuore  e dico che amo la mia patria perché è una mia decisione, mia …  Mia moglie non è Miss Mondo ma è la mia libertà, è la mia scelta, quindi la difenderò.  Capisce cosa intendo? Possiamo semplicemente avere una nuova idea  di libertà e, parlando di identità non basata sul sangue,  parlando di stato non chiuso, parlando di patria che è una scelta,  si capisce come è cambiata l’idea di pace.  Grazie sindaco. Come… da Palermo, come vede un valore aggiunto da un luogo come la Ginevra internazionale per il suo lavoro?  Ripeto i diritti umani e penso che … desidero sottolineare due questioni.  La prima: contro qualunque vecchio e nuovo colonialismo abbiamo bisogno di una cultura dei diritti umani profondamente radicata e locale.  È il ruolo dei sindaci, il ruolo delle città.  Dobbiamo solo promuovere in qualsiasi modo, anche contro la legge del nostro paese,  fondamentalmente combatto persino contro la legge del mio paese, i miei diritti umani culturali,  rispettando la costituzione, nessuna preoccupazione, ma non la legge perché a volte la legge è contro la costituzione,  soprattutto quando la legge, la legge dello stato, è contro i diritti umani, i migranti o gli omosessuali, le donne o i bambini.  La seconda: il ruolo dell’istruzione. Penso che sia molto importante il ruolo dell’istruzione  perché, come ha detto Marie-Laure Salles, ha parlato di competenza e responsabilità,  competenza e responsabilità sono proprio le questioni dell’istruzione. Significa che  il ruolo dell’istruzione è di permettere che la visione si trasformi in valori familiari e quotidiani.  Il ruolo dell’educazione è permettere che la visione si trasformi in vita familiare.  È proprio il ruolo… quindi i due ruoli dei sindaci e degli insegnanti  è proprio quello di permettere che la visione sia concreta e quotidiana.  Probabilmente hai capito che sono un ex professore all’università di Diritto Pubblico in un’epoca piuttosto geologica  perché … vorrei che ti fossi accorto che io ho… ho i numeri della stessa età di Paolo Petralìa.  Io e Paolo Petralìa abbiamo gli stessi numeri per indicare la nostra età, 2 e 7.  Da questo sa che abbiamo entrambi 2 e 7 anni.  Su questa osservazione, Paolo, per favore, intervenga per una riflessione finale.

Lascia un commento

0:00
0:00