Dillo in Italiano

Manifestazione per la democrazia linguistica, contro l’occupazione inglese dell’Italia e del mondo

Aderisci subito compilando il modulo sottoindicato e fai girare questo messaggio! Rimandalo a tutti i tuoi contatti mail e/o facebook prima che l’Italia e l’intera Europa continentale divengano colonia inglese.
Mandaci anche le tue riflessioni scrivendo a info@democrazialinguistica.it
 le leggeremo nella nostra rubrica domenicale “democrazialinguistica.it” su Radio Radicale.

To give millions a knowledge of English is to enslave them.
Dare a milioni di persone la conoscenza dell’inglese equivale a schiavizzarli.

Gandhi 1908

Manifestazione nazionale 
Per la democrazia linguistica, contro l’occupazione inglese dell’Italia e del mondo. 
Roma, Via di Torre Argentina 76, Sabato 28 maggio 2011, ore 15.

 

Programma provvisorio:

Ore 15 Assemblea nazionale con intervento di apertura di uno dei massimi esperti al mondo di colonizzazione linguistica, il Prof. Robert Phillipson “L’imperialismo linguistico continua”;
Ore 17 partenza del Corteo in fila indiana lungo Largo Arenula e prosecuzione per Viale Trastevere fino al Ministero della Pubblica Istruzione.

Mentre la Gran Bretagna ha abolito dal 2004 l’obbligo dello studio di una qualsiasi lingua straniera:

 

  • l’anglicizzazione delle università che viene chiamata bugiardamente internazionalizzazione;
  • l’obbligo della certificazione B2 di inglese per insegnare in Italia qualsiasi materia, da educazione fisica a italiano o francese;
  • il CLIL (insegnamento materie non linguistiche in lingua straniera) che ha avuto l’86% di domande per l’inglese contro il 14% di francese, tedesco e spagnolo messe insieme;

segnalano inequivocabilmente non solo l’accerchiamento finale e l’ineluttabile fine della seconda lingua comunitaria ma, anche, la progressiva marginalizzazione del cemento linguistico del Paese: la lingua italiana. 
La colonizzazione linguistica inglese costa agli italiani oltre 60 miliardi di Euro l’anno e ai Paesi Ue nel loro complesso 350 miliardi di euro l’anno, mentre la Gran Bretagna ne risparmia circa 18 di miliardi annui avendo abolito l’insegnamento della lingua straniera dal 2004. Oggi il genocidio linguistico-culturale è la nuova frontiera nella distruzione dei popoli e, in Europa, costituisce il pieno asservimento al mercato anglo-americano di mezzo miliardo di europei. 
E’ importante quindi partecipare alla manifestazione del 28 maggio.

Qui potrai trovare videoregistrata l’assemblea per salvare la seconda lingua comunitaria fatta nel 2009:
http://www.esperanto.tv/video/salviamo-la-seconda-lingua-comunitaria-assemblea-nazionale-dellera-2222009

Tel. 0668.97.97.97 Cell. 3477608756 Fax 0623312033 http://www.facebook.com/eraonlus info@democrazialinguistica.it

SEGUICI SUL FORUM

Lascia un commento