L’Italia aderirà al Brevetto trilingue unitario Ue, anche se “l’aspetto della discriminazione linguistica rimane un fattore di disunione e non di unione”.

L’Italia aderirà al brevetto Ue.

L’Italia aderirà al Brevetto unitario Ue. Lo ha annunciato ieri il sottosegretario agli Affari europei, Sandro Gozi, durante la riunione del Consiglio Competitività. Il nostro Paese, assieme alla Spagna, non aveva inizialmente aderito, contestando la discriminazione linguistica della scelta di utilizzare per il brevetto unico le tre lingue ufficiali: inglese, francese e tedesco. Prima di formalizzare l’adesione sarà opportuno un passaggio in parlamento. Inoltre, si avvia in parlamento anche l’iter di ratifica dell’accordo sul tribunale unico per i brevetti, a cui l’Italia aveva già aderito. «Abbiamo comunque fatto presente – ha detto Gozi – che per noi l’aspetto della discriminazione linguistica rimane un fattore di disunione e non di unione».
(Da Avvenire, 29/5/2015).

{donate}

 

 

Lascia un commento

0:00
0:00