Lingue in via di estinzione

Lingue in via di estinzione


a cura del CNR

La tofa, la tozha e la tuha sono tre lingue dello stesso ceppo, parlate da secoli dai popoli del nord della Mongolia e della Siberia. Ma col passar degli anni non sono rimaste che trecento persone, la maggior parte anziane, che le parlano ancora.

Alcune di queste si possono vedere ed ascoltare su Internet all’indirizzo www.mpi.nl/DOBES. Cliccando su “tofa” possiamo ascoltare la voce di un anziano, seduto davanti alla sua tenda da nomade, che dice ad un linguista come si chiama e dove si trova. Un breve filmato mostra due donne che cantano.

Le foto ritraggono una famiglia, fiera, in mezzo a un branco di renne. Sono immagini di una cultura in via d’estinzione. I linguisti stanno cercando di documentare con molta fretta tutto questo. Il sito DOBBES è gestito dall’Istituto di psicolinguiastica Max Planck di Nimega e DOBES sta per Dokumentation Bedrother Sprachen (Documentazione sulle lingue in pericolo) Per il momento il sito contiene informazioni generali su otto lingue in via d’estinzione, ma negli anni a venire dovrà aumentare considerevolmente il volume dei suoi archivi. Si conta di archiviare le informazioni riguardanti una ventina di lingue per immagini parole e testi.

Secondo il linguista Gunter Senft, ricercatore all’Istituto Max Planck ed uno degli iniziatori del progetto DOBES sarà una corsa contro il tempo: “Oggi esistono – dice – circa seimila lingue in tutto il mondo. I linguisti pensano che nel giro di trenta cinquant’anni non ne resteranno che duemila. E questa è una previsione ottimistica. La causa dovrebbe essere attribuita alla mondializzazione ed alla diffusione dell’inglese. Gli uomini parlano la lingua che permette loro di muoversi nel mondo, non quella che li confina nei villaggi”.

“Questo è il peso della realtà economica”, commenta Peter Wittenburg, che dirige con Gunther Senft la realizzazione dell’archivio.


Per saperne di più visitate i siti:

http://www.mpi.nl/DOBES/

[addsig]

Lascia un commento

0:00
0:00