L’Europa vieta l’italiano

L’Europa vieta l’italiano

“La Commissione non ha adottato alcuna decisione che privilegi la lingua inglese rispetto alle altre lingue ufficiali,” dice Romano Prodi, presidente della Commisione europea. Tuttavia, l’eliminazione dell’italiano nel quadro dei programmi europei è sempre più spesso.

Bruxelles, 8. April 2002. La diversità culturale e linguistica è spesso presentata come una delle principali risorse dell’Europa. Il multilinguismo è il ‘contrassegno’ dell’Unione, a differenza di tutte le altre potenze, attuali o passate, che si sono costituite intorno ad una lingua unica. Tuttavia, nei fatti, si assiste sempre più frequentemente ad un fenomeno detto di ‘semplificazione’. L’inglese sta diventando l’unica lingua dalle diverse Direzioni Generali della Commissione. La clausola che “ogni comunicazione tra la Commissione europea debbano essere soltanto in inglese” è scritta su troppi contratti, cocessioni, appalti e dubappalti. Le organizzazioni europee anche esigono sempre più spesso in forma esplicita che i loro candidati siano di madrelingua inglese. In tal modo esse discriminano apertamente a svantaggio dei candidati che parlano altre lingue.

“Si tiene a ricordare, in questa sede, che l’UE non è una società per azioni che dovrebbe tentare di ridurre ad ogni costo le spese. È una costruzione politica fondata sul diritto e la democrazia. Una delle condizioni pratiche dell’esercizio del dibattito democratico è il diritto di ogni cittadino europeo a parteciparvi nella propria lingua. Tutto ciò comporta un costo certo,” dice Renato Corsetti, docente di psicopedagogia del linguaggio e della comunicazione alla Sapienza di Roma e presidente dell’Organizzazione Mondiale per l’Esperanto. “Eppure i costi non sono esorbitanti. Il prezzo del multilinguismo (a 11 lingue) ammonta all’1% del bilancio dell’UE, ossia a 2,7 euro per cittadino all’anno. Anche questo è il prezzo della democrazia, allo stesso titolo del costo delle elezioni europee, che nessuno prevede di ‘semplificare’ o sopprimere.”

L’Organizzazione Mondiale per l’Esperanto protesta presso la Commissione europea per l’eliminazione dell’italiano e delle altre lingue. “L’eliminazione dell’italiano e di tutte le altre lingue da parte della Commissione europea è un attentato contro un principio basilare dell’UE: l’uguaglianza delle lingue”, dice Corsetti. Nel quadro del programma SAPARD, per esempio, gli impiegati del settore – gli agronomi e gli agricoltori dei paesi candidati come Slovenia, Ungheria e altri – devono comunicare con la C.E. solo in inglese. L’articolo 10 dell’ Accordo Finanziario Pluriennale stabilisce che solo le versioni in inglese sono autentiche. “Gli abili giuristi della C.E. forse riusciranno a giustificare l’ uso dell’inglese, ma la condizione è essenzialmente discriminatoria.” Anche i funzionari tedeschi, italiani e francesi della Commissione europea non hanno diritto ad usare la propria lingua neanche su richiesta dei funzionari dei paesi candidati che posseggono le loro lingue meglio dell’inglese.

Corsetti teme che l’imposizione della Commissione europea a comunicare solo in inglese sicuramente scoraggerà lo studio delle lingue. “In un’Europa che sarà sempre multilingue, l’apprendimento delle lingue straniere apre molte porte. Ma e’ insensato studiare altre lingue quando l’Europa stessa vi vieta di usare altre lingue diverse dall’inglese. Durante l’Anno Europeo delle Lingue, il 2001, la Commissione europea ha decantato molto ipocritamente la parità linguistica. Ora invece, essa impone l’inglese a tutti gli europei.”

Ulteriori informazioni, nonché l’iscrizione e la cancellazione, si possono ottenere scrivendo al seguente indirizzo: kontakto@lingvo.org Universala Esperanto-Asocio, Nieuwe Binnenweg 176, 3015 BJ Rotterdam, Nederland. Tel: +31 10 436 1044, Fax: +31 10 436 1751, Tel. Bruxelles +32 2 640 5384. , http://www.esperanto.net/, http://www.uea.org/ Informazioni sui problemi della comunicazione in difesa delle lingue e l’Esperanto: http://lingvo.org/xx/3/250. Esperanto-Kurs: http://www.cursodeesperanto.com.br.

English-only Europe

Delegation of the European Commission in Poland

The delegation of the European Commission in Poland invites lawyers or economists to apply for a post of task manager … Candidates can be Polish or EU nationals … a high level of proficiency in spoken and written English. Knowledge of Polish is an asset but is not a prerequisite … Applications in English ONLY … Delegation of the European Commission in Poland.”

EU-Delegation in Poland

Delegation of the European Commission in Russia

“Press and information section seeks … Young EU national to assist in … The candidate must have excellent drafting skills in English (preferably of English mother tongue), knowledge of Russian would be an asset.”

EU-Delegation in Russia

Multi-annual Financial Agreement

“… Artikcle 5. Language. … Any communication between the Commission and Poland related to this Agreement shall be in English … Poland shall provide texts in English expeditiously following a request from the Commission.”

SAPARD

Tacis

“Tacis … Guidelines for Applicants … December 2002 … Applicants must apply in English … The relevant articles should be translated in English … Partnership statements signed by the persons managing the relevant institutions of applicant and all project partners must be in English … ” 12/2002

TACIS

____________________

Training tender

“European Commission (DG Trade) … Invitation to tender related to a training programme for developing countries’ trade negotiators and administrators … All reports, recommendations and dossiers prepared by the Contractor under the contract shall be in English … organise and run a training programme (in English)…” 07.11.2002

___________________

Training tender

“… Invitation to tender related to courses/training on cost accounting theory and practice … The course shall be held in English … All reports, recommendations and dossiers prepared by the Consultant under the contract shall be in English. 28.10.2002 European Commission.”

——————————

Combat social exclusion

“Community action programme aimed at encouraging co-operation between Member States to combat social exclusion … Restricted call for proposals for Candidate Countries … The application form is made up of three separate parts … It must be completed in English … Subsequent correspondence concerning the application will be in English … The final report must be submitted in English. 10/10/2002. European Commission”

Social Exclusion

DG Agriculture newsletter

“… The European Commission’s DG Agriculture has launched a new e-mail service. This newsletter will provide its subscribers with news about EU agriculture and the Commission’s activities in this field. At present, this service is available only in English.” 31/03/2003.

http://www.welcomeurope.com

________________________

European Training Foundation

“Tender … … Qualifications … ability to provide native speakers to carry out the editing services (e.g. English texts dealt with by native English speakers etc.) … Awarding authority type … EC institutions”

Tenders Electronic Daily, 15/05/2002

________________________

Economic analysis in support of multilateral and bilateral negotiations.

“Invitation to tender … All reports, recommendations and dossiers prepared by the Consultant under the contract shall be in English. European Commission … Brussels, 11.3.2002”

European Commission – Directorate General External Relations

http://europa.eu.int/comm/external_relations/index.htm

European Commission – Directorate-General for Justice and Home Affairs

http://europa.eu.int/comm/justice_home/index.htm

European Commission – Directorate General for Economic and Financial Affairs

http://europa.eu.int/comm/dgs/economy_finance

European Commission – Directorate General for Trade (GATS-Info)

http://gats-info.eu.int

European Commission – Directorate General Agriculture – International Trade Relations

http://www.europa.eu.int/comm/agriculture/external/wto/index_en.htm

European Commission – Directorate Enterprise – Corporate Social Responsibility

http://www.europa.eu.int/comm/enterprise/csr

European Commission – Directorate Environment

http://www.europa.eu.int/comm/environment

European Investment Fund

http://eif.eu.int

European Agency for the Evaluation of Medicinal Products (EMEA)

http://www.emea.eu.int

European Commission – Directorate Research (Space)

http://www.europa.eu.int/comm/space

http://www.europa.eu.int/comm/research

European Commission – Directorate Economic and Financial Affairs

http://www.europa.eu.int/comm/economy_finance

European Commission – Directorate External Relations

http://www.europa.eu.int/comm/world

European Environment Agency

http://www.eea.eu.int

European University Institute

http://www.iue.it

European Training Foundation

http://www.etf.eu.int

European Joint Research Centre

http://www.jrc.it [addsig]

Lascia un commento

0:00
0:00