L'ERA alle Nazioni Unite

Le Nazioni Unite chiedono candidature per il premio Nelson Mandela

Il premio è stato istituito nel giugno 2014 dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite per riconoscere le conquiste di coloro che dedicano la propria vita al servizio dell'umanità promuovendo gli scopi e i principi delle Nazioni Unite, onorando e rendendo omaggio alla straordinaria vita ed eredità di Nelson Mandela di riconciliazione, transizione politica e trasformazione sociale.

63
Tempo di lettura: 2 minuti

Le Nazioni Unite chiedono candidature per il premio Nelson Mandela

Le Nazioni Unite chiedono nomination per il Premio Nelson Rolihlahla Mandela delle Nazioni Unite del 2020.
Il premio è stato istituito nel giugno 2014 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite per riconoscere le conquiste di coloro che dedicano la propria vita al servizio dell’umanità promuovendo gli scopi e i principi delle Nazioni Unite, onorando e rendendo omaggio alla straordinaria vita ed eredità di Nelson Mandela di riconciliazione, transizione politica e trasformazione sociale.
Premiato per la prima volta nel 2015, il Premio ha riconosciuto due persone eccezionali: la dott.ssa Helena Ndume della Namibia, un oculista il cui lavoro nella vita è stato il trattamento della cecità e delle malattie oculari, sia in Namibia che nel mondo in via di sviluppo; ed ex presidente del Portogallo, S.E. Il signor Jorge Fernando Branco Sampaio, leader nella lotta per il ripristino della democrazia nel suo paese.
Le candidature per il premio 2020 saranno accettate fino al 28 febbraio 2020.
Il premio viene assegnato ogni cinque anni a due persone: una femmina e un maschio.
I vincitori saranno selezionati da un comitato delle Nazioni Unite presieduto dal presidente dell’Assemblea generale e composto da rappresentanti di sei Stati membri, compresi rappresentanti di ciascuno dei cinque gruppi regionali, un rappresentante della Missione permanente del Sudafrica presso le Nazioni Unite e cinque eminenti individui che serviranno come membri d’ufficio. Il Dipartimento delle comunicazioni globali delle Nazioni Unite fungerà da segretariato del comitato.
Si prevede che i vincitori saranno annunciati nel maggio 2020, con i premi assegnati presso la sede delle Nazioni Unite a New York durante la commemorazione della Giornata internazionale Nelson Mandela, celebrata il 18 luglio.
Per ulteriori informazioni, visitare
https://www.un.org/en/events/mandeladay/mandela_prize.shtml
I dettagli sulla presentazione delle candidature sono disponibili all’indirizzo
https://www.un.org/en/events/mandeladay/mandela_prize_2020.shtml.
Le candidature possono essere inviate in inglese o francese fino al 28 febbraio 2020 all’indirizzo: http://bit.ly/2oYYt3M [inglese] o http://bit.ly/2OSPg7v [francese]

Social Media: #MandelaPrize #MandelaDay

Storia:

Una volta ogni cinque anni, a partire dal 2015, verrà assegnato un premio onorario in omaggio agli eccezionali risultati e contributi di due vincitori: una femmina e un maschio che non saranno selezionati dalla stessa regione geografica.
Originariamente istituito con risoluzione 68/275 (6 giugno 2014), lo statuto del premio è stato approvato con risoluzione 69/269 (2 aprile 2015).
In riconoscimento dell’umiltà di Nelson Mandela, il Premio assegnato a ciascun vincitore è una targa incisa con una citazione appropriata e una citazione pertinente.
Le candidature scritte per il premio possono essere ricevute da quanto segue:
1) Governi degli Stati membri e Stati osservatori delle Nazioni Unite;
2) Entità e organizzazioni intergovernative che hanno ricevuto un invito permanente a partecipare in qualità di osservatori alle sessioni e ai lavori dell’Assemblea generale e del Consiglio economico e sociale;
3) istituti di istruzione superiore, in particolare università e altri istituti di istruzione, che forniscono un programma di istruzione oltre l’istruzione secondaria, concedono titoli post-secondari e sono approvati e / o accreditati come istituti di istruzione superiore dalle autorità competenti degli Stati membri, nonché centri e istituti di ricerca indipendenti impegnati nel servizio dedicato all’umanità, nella promozione della riconciliazione e della coesione sociale e nello sviluppo della comunità;
4) Organizzazioni non governative in stato consultivo con il Consiglio economico e sociale;
5) Persone già premiate, a meno che non facciano parte del Comitato.

Lascia un commento

Translate »