La Gelmini ritira l’inglese potenziato: vittoria della democrazia linguistica contro i colonizzatori.

La Gelmini ritira l’inglese potenziato: vittoria della democrazia linguistica contro i colonizzatori.
Dichiarazione di Giorgio Pagano Segretario dell’Associoazione Radicale Esperanto.

“La religione delle tre I (Imposizione Indebita dell’Inglese) perde proseliti a vantaggio della democrazia linguistica: l’inglese potenziato cancellato a un anno dal debutto certifica la vittoria dell’ERA che, insieme agli insegnanti di seconda lingua straniera, aveva fatto ricorso al TAR”. Lo dichiara Giorgio Pagano, Segretario dell’Associazione Radicale Esperanto.
“Il comma scomparso dalla circolare che avrebbe istituito lo studio intensivo dell’inglese è emblematico, oltre che della credibilità del governo dei proclami, del fallimento del tentativo di cancellare il multilinguismo dalle scuole. Considerando anche il numero di docenti
di seconda lingua che avrebbero perso il posto con l’attuazione dell’inglese potenziato, siamo lieti di festeggiare la vittoria”, prosegue Pagano.
“Ricordiamo che, nell’Ue, i Trattati sanciscono la diversità e il multilinguismo e non il monolinguismo che si vorrebbe a tutti i costi elevare a culto nell’istruzione italiana: per fortuna, la scarsa
capacità di attuazione delle proprie rèclame che caratterizza questa classe dirigente ci ha messo stavolta al riparo di quella che sarebbe stata l’ennesima, ingiustamente tollerata, infrazione al Trattato di Lisbona.
L’ERA ringrazia gli insegnanti di lingua diversa dall’inglese per non essersi arresi al golpe linguistico, per ora fallito miseramente, dell’inglese potenziato”. Ma ora dobbiamo continuare contro la
Menzogna Gelmini che della lingua straniera ha fatto sinonimo di lingua inglese e della parola internazionalizzazione sinonimo di anglofonizzazione, conclude il Segretario.

Roma, 17 gennaio 2010

Lascia un commento

0:00
0:00