Cadmeide

Quadro zero

QUADRO ZERO
Allora la terra aveva un medesimo linguaggio e usava le stesse parole. Or, avvenne che, emigrando dall’oriente, trovarono una pianura nella regione del Sennaar e vi abitarono. E dissero gli uni agli altri: – Su, fabbrichiamo dei mattoni e cociamoli al fuoco -. E si servirono di mattoni invece che di pietre e di bitume in luogo di calce. E dissero: – Orsù edifichiamoci una città e una torre con la cima al cielo. Fabbrichiamoci così un segno di unione, altrimenti saremo dispersi sulla faccia della terra -. Ma il Signore scese a vedere la città e la torre, che i figli degli uomini costruivano, e disse: – Ecco essi sono un popolo solo e hanno tutti un medesimo linguaggio: questo è il principio delle loro imprese. Niente ormai li impedirà di condurre a terrmine tutto quello che verrà in mente loro di fare. Orsù dunque, scendiamo e proprio lì confondiamo il loro linguaggio, in modo che non s’intendano più gli uni cogli altri -. Così il Signore di là li disperse sulla faccia di tutta la terra ed essi cessarono di costruire la città, alla quale fu dato perciò il nome di Babele, perchè ivi il Signore aveva confuso il linguaggio di tutta la terra e di là li aveva dispersi nel mondo intero.

1984. China su tela tirata su tavola. 

Lascia un commento