Diario

Libia: In campo l’esercito europeo della nonviolenza

[fimg=left]http://www.democrazialinguistica.it/4/simbolo-pace.gif[/fimg]Libia, Pagano (Radicali/ERA): “In campo l’esercito europeo della nonviolenza”

Dichiarazione di Giorgio Pagano – Radicali/ERA

“Di fronte a quello che sta accadendo in Maghreb, come Radicali abbiamo la responsabilità di dare nuove forme e contenuti alla nonviolenza”. Lo dichiara Giorgio Pagano, Segretario dell’Associazione Radicale “Esperanto”.
“Cooperando con i Paesi europei che hanno il servizio civile nazionale e traendo dal meglio delle esperienze pacifere europee, noi possiamo e dobbiamo impegnare i nostri giovani nella diffusione della comunicazione ed esportare la democrazia attraverso l’informazione, e non la guerra, nei Paesi con regimi dittatoriali. L’onda d’urto che arriva dalla Tunisia e sta travolgendo il mondo arabo è essenzialmente pacifica e nonviolenta, lontana da estremismi religiosi e da violenze di piazza: sono i regimi che stanno reagendo con la violenza, e noi abbiamo il dovere di aiutare i cittadini che stanno rischiando la propria vita per uscire da dittature che l’Occidente ha avallato per troppo tempo”, prosegue Pagano.
“I volontari italiani e dei Paesi europei possono sostenere la richiesta di diritti umani dei popoli mediorientali attraverso i moderni mezzi di comunicazione: se l’Europa non gioca il suo ruolo chiave in un momento storico come questo, che sta cambiando in tempi rapidissimi gli assetti mondiali, c’è il rischio che nuove forme antidemocratiche sostituiscano quelle che oggi stanno crollando. L’Associazione Radicale ‘Esperanto’ invita tutti i Radicali e le altre forze politiche a collaborare con idee e proposte che possano confluire nel convegno ‘L’Esercito Nonviolento Europeo’, che già avevo annunciato a novembre e ritengo indispensabile accelerare in questo drammatico, ma pieno di possibilità, snodo della storia”.

Lascia un commento