Diario

Giorno 45 di satyagraha in difesa della lingua italiana: qualche media risponde positivamente.

 

 

 

Giorno 45 di satyagraha in difesa della lingua italiana: qualche media risponde positivamente.

Dopo il comunicato di ieri, AgenParl risponde alla sensibilizzazione, a differenza degli altri, dando piena disponibilità ad una intervista.

Il silenzio dei media sul genocidio linguistico-culturale del Paese interessati dal 45esimo giorno di digiuno in difesa per la lingua italiana di Giorgio Pagano, oggi 27 giugno, sono:

– i quotidiani Il Sole 24 Ore e il suo Direttore Roberto Napoletano,Il Fatto Quotidiano e il suo direttore Antonio Padellaro;

– le agenzie Adnkronos e il direttore Flavia Perina, Agenzia Nova e il suo direttore Sebastiano Fasco;

– le radio Radio Rai 2 e il direttore Flavio Mucciante,  Radio Rai 3 e il direttore Marino Sinibaldi ;

– le trasmissioni di La7 ‘Otto e mezzo! condotta da Lilli Gruber e di Rai 1 ‘Sottovoce’ condotta da Gigi Marzullo.

A tutti stiamo chiedendo cinque minuti d’intervista sulla disponibilità a parlare dell’inesorabile linguicidio dell’italiano e di esprimersi sulla richiesta all’UE di compensazioni economiche ed amministrative per la discriminazione linguistica che gli italiani subiscono dai popoli anglofoni anzitutto e, in subordine, francofoni e germanofoni. Ad esempio, nel caso di Erasmus +, considerato che le versioni in italiano sono uscite ben sei mesi dopo quella inglese e 3 mesi dopo quella franco-tedesca, andrebbe richiestio un tetto o un blocco di tutte le domande provenienti da Regno Unito, Irlanda per i prossimi 6 mesi e a Francia, Germania ed Austria per i prossimi 3, così da compensare retroattivamente il vantaggio acquisito da quella popolazioni.

 

 

 

Lascia un commento