Guarani: esempio di resistenza linguistica

Guarani: un esempio di resistenza linguistica
Il 26 Marzo 1991, Asunciòn ( Paraguay) i Presidenti del Paraguay, Argentina, Uruguay e Brasile sottoscrissero il Trattato di Asunciòn, con il quale il Mercato Comune del Sud-Mercado Comùn del Sur (MERCOSUR).
L’articolo 17 del citato Trattato riconosce lo Spagnolo ed il Portoghese come lingue ufficiali del Mercosur, e prevede la versione ufficiale dei documenti di lavoro nella lingua del paese sede di ciascuna riunione.
Il 21-11-2006 Rio de Janeiro una riunione dei ministri della cultura del Mercosur ha approvato l’inclusione del Guarani come lingua ufficiale del Mercosur. Questa risoluzione sarà sottoposta a ratifica, nella riunione presidenziale che avrà luogo il 18 e 19 Gennaio 2007.
Nel 1992 in Paraguay la Convenzione nazionale Costituente riconosceva il Guarani come lingua ufficiale della Repubblica insieme al castellano. L’Articolo 140 della nuova Costituzione sosteneva: “Il Paraguay è un paese pluriculturale e bilingue. Le lingue ufficiale sono il castellano ed il Guarani. La legge stabilirà le modalità di utilizzazione dell’una e dell’altra.
Le lingue indigene, così come le tutte le altre minoritarie, costituiscono il patrimonio culturale della Nazione. Dopo numerose sollecitazioni per il riconoscimento del Guarani come lingua ufficiale del Mercosur, nel 1995 l’ottava risoluzione dell’ Atto di Asunciòn, sottoscritto dai Ministri dell’ Educazione e la Cultura dei paesi membri del Mercosur, riconosce il “Guarani Lingua Storica del Mercosur” e rivaluta “il suo retaggio culturale attraverso le elaborazione di un inventario del suo patrimonio, la promozione della ricerca accademica e l’insegnamento della Lingua, in maniera congiunta allo studio e la preservazione delle culture della regione”.
Di fatto questa risoluzione non ha comportato rivelanti progressi ma la campagna per tale riconoscimento si è intensificata. Nel 1996 l’Ateneo della Lingua e Cultura Guarani realizza il Primo Congresso “ La Lingua e Cultura Guarani nel Mercosur” con l’obiettivo di:
1) sollecitare le Autorità del Mercosur per la dichiarazione del Guarani come lingua ufficiale del Mercosur;
2) Presentare tale sollecitazione alla Riunione Specializzata della Cultura del Mercosur in forma immediata;
3) Reiterare in tale Riunione che il Paraguay – in quanto membro del Mercosur – non può essere privato dei benefici culturali ed economici che incrementano gli investimenti relativi alla coproduzione dei video, co-edizione di materiali bibliografici di qualsiasi natura, e l’integrazione effettiva nei mezzi di comunicazione di massa;
4) Sollecitare affinché i prodotti paraguayani esportati nel Mercosur, riportino etichette in Guarani, in quanto lingua ufficiale del Paraguay e che le Repubbliche ufficiali del Mercosur redigano in Guarani.
Tale Congresso raccomandò inoltre la creazione dell’Accademia della Lingua e Cultura Guarani del Mercosur, per:
1)Elaborare attraverso un organismo rettore del Guarani nel Mercosur;
2)Elaborare una grammatica comune della lingua Guarani per il Mercosur;
3)Elaborare un dizionario Guarani del Mercosur;
4)Produrre nuovi vocaboli o neologismi, per accrescere i saperi, e perfezionare la Lingua Guarani nel Mercosur;
5)Pianificare e sviluppare diverse modalità di diffusione della Lingua Guarani nel Mercosur (conferenze, seminari, congressi, riviste, etc) .
Il Congresso definì inoltre altre politiche e strategie per la promozione e diffusione del Guarani, e cooperare con i Popoli Indigeni del Mercosur. D’allora l’Ateneo della Lingua e Cultura Guarani ha iniziato la Crociata Nazionale: “Il Guarani del Terzo Millennio e del Mercosur”… dopo dieci anni la lotta si è intensificata e tra tutti i paesi del Mercosur il Paraguay la conduce con maggiore forza, nonostante le numerose e terribili persecuzioni.
Secondo un Censimento Nazionale del 2002, in Paraguay i parlanti Guarani rappresentano il 50%; i bilingue (Guarani-Castellano) il 25% e gli ispanofoni meno del 10%. Il Guarani è inserito nel Sistema Educativo Nazionale dal 1994 ed insegnato in alcune Università.
Esiste inoltre una presenza rilevante nei mezzi di comunicazione di massa e nella pubblicazione di libri.In Argentina molte Province del Nord hanno riconosciuto il Guarani come lingua ufficiale. Anche in Uruguay e Brasile la causa del Guarani è sentita vivamente.
In Bolivia sono quattro le lingue ufficiali: Castellano, Guaranti, Quechua e Aymara. Tutta la Bolivia del sud-est è parlante Guarani. Vi esistono programmi di educazione bilingue interculturali di lunga tradizione e numerose pubblicazioni in Guaranti.
La lunga ed intensa azione di difesa e rivalutazione che ha coinvolto istituzioni governative, accademiche, mezzi di comunicazione e parte civile, ha finalmente portato gli effetti positivi, con l’inclusione del Guarani tra le lingue ufficiali del Mercosur. Tale riconoscimento rappresenta un trionfo della cultura americana la cui lingua è riuscita a non essere umiliata dal conquistatore, ed ha saputo sopravvivere alle nuove esigenze linguistiche dei nuovi contesti socio-economici, grazie alla tenace attività di promotori e difensori di un sapere che deve essere riconosciuto come patrimonio culturale.

[addsig]

Lascia un commento

0:00
0:00