+3906689791 scrivici@era.ong
Politica e lingue

domanda d’intervento dell’Era con una relazione alla Conferenza di New York

375, 27-Nov-96, 15:34, I—–, 1551, M.Busdachin, US, New York

—————————————————————

brevemente:

Ho informato Pagano della riunione di Ny ben 3 volte, cioe' tutte le volte che ci siamo incontrati negli ultimi 4 mesi.

Ho anche raccolto l'invito (un po' perentorio a dir il vero) di Pagnago

a cercare di inserire l'ERA fra i partecipanti al meeting.

Cosi' e' stato, l'ERA interverra' alla Conferenza in programma a febbraio con una relazione. Essendo presente alla riunione preparatoria Marco Perduca, consigliere fedrelae o generale dell'ERA, mi e' sembrato giusto

farlo partecipare in qalita' di membro di un organo importate dell'ERA stessa.

ORA, mi pare che qualcosa si perda per strada…La nota di Giorgio e' un richiamo alla correttezza errato e improprio. Mi sembra corretto invece informare tutti sui lavori in corso sull'esperanto. Mi sembra anche che il lavoro impostato, di cui Giorgio e' perfettamente a conoscenza da almeno otto mesi, sia buono e foriero di interessanti sviluppi sia per quanto riguarda il Pr che l'Era.

Il resto, se c'e', mi rimane oscuro. Ma se non capisco, almeno chiedo:

e' solo volonta' (fine a se stessa) polemica (fine a se stessa) nei confonti di chi si e' preso a cuore la causa esperantista (certo in ritardo in confronto ai precursori dell'ERA) e che cerca di mettere insieme il meglio dell'ERA, dell'UEA e del PR ai fini di una iniziativa

, ostica e difficile, quale l'esperanto?????

resto in attesa di una risposta che vada al di la' di note burocratiche

su chi rappresenta chi …sapendo bene, e da decenni, che ciascuno

, se gli va bene, rappresenta sempre e solo se stesso…quando ci riesce


[addsig]

Lascia un commento

0:00
0:00