DIARI ON-LINE DEGLI ITALIANI ALL’ESTERO (Repubblica.it)

Oltre tre milioni di connazionali sono emigrati. Nei blog su Internet
raccontano sogni, stereotipi e nuove discriminazioni, con l'incubo della crisi globale

“Noi globetrotter del lavoro”
diari online degli italiani all'estero

di PAOLO GRISERI


OAS_RICH('Left');< /script>

L'IDEA è quella di mettere un bel timbro con la scritta: “Fatto da un italiano all'estero”. Così, per rendersi riconoscibili, orgogliosi di arrivare dal Bel paese anche se emigranti. La proposta è venuta dai ragazzi della “Prima conferenza dei giovani italiani nel mondo” organizzata dal ministero degli Esteri a Roma nel dicembre scorso. “I lavoratori del nostro paese – è scritto nella relazione finale – hanno un'immagine positiva, di gente capace di lavorare e creare. Questa immagine viene poco sfruttata dagli italiani che vivono all'estero anche se proprio loro hanno contribuito a crearla e diffonderla. Per questo proponiamo la nascita di una denominazione di manifattura”. Il timbro “made by italian people” è certamente un segnale in controtendenza nell'epoca in cui, in Inghilterra, la crisi scatena invece la caccia agli “italians”.
Vista dai blog, la comunità italiana sparsa per il mondo vive e combatte sospesa tra i luoghi comuni: quelli della madrepatria, delle navi d'inizio Novecento che partivano cariche di drammi e poveracci verso destinazioni ignote, e quelli dei paesi di approdo dove gli “italians” sono il popolo indisciplinato che fa scattare con maggiore frequenza gli allarmi dei metal detector negli aeroporti. Il 7 gennaio scorso Andrea ha scritto sul suo blog “Bodrato. bloggatore. com”: “Siamo vittime di una visione dell'Italia e degli italiani completamente distorta”.
“Gli stranieri pensano che siamo un paese tutto pizza, mafia e spazzatura. Soprattutto siamo vittime dei racconti degli immigrati che sono arrivati qui in America 100 anni fa. Per cui noi italiani ci siamo sentiti fare delle domande del tipo: “Da voi in Italia ci sono le lavatrici?”, “Voi in Italia potete permettervi di fare studiare almeno un figlio?”' “Avete il bagno in casa?”. Quando la notizia che a Napoli non si poteva smaltire la spazzatura fece il giro del mondo, fu difficile per noi spiegare che questa piaga era circoscritta alla Campania e che nel resto d'Italia non era così. Anzi rimanevano sbalorditi quando gli si spiegava che in molte città si effettua addirittura la raccolta differenziata”.
< /script>
Alffox, titolare del blog “1 italiano a Budapest” mostra inorridito i luoghi comuni contenuti nella versione ungherese della pubblicità Vodafone: “Il campione di pallanuoto ungherese Tomas Kasas si trova in Italia e usa la chiavetta internet per comunicare con i suoi cari”. La scena è girata a Genova, in sottofondo si sente la tarantella e lui comunica naturalmente con la madre che dice “Ti vedo un po' dimagrito, stai mangiando?”.
Non sempre, per fortuna, il luogo comune prevale. Le nuove generazioni di immigrati (soprattutto quelle che si affacciano su internet) narrano anche storie nelle quali il pregiudizio viene sconfitto sul campo. Il 7 dicembre scorso, su un blog intitolato “Storie di un disadattato a Londra”, un anonimo immigrato italiano negli uffici della City narrava i primordi del disastro dell'economia mondiale: “In questo momento – confessava – tutta la mia vita gira intorno al credit crunch, questa crisi finanziaria che sta schiacciando le nostre vite con mano sempre più pesante e della quale ora seriamente vediamo gli effetti sulla nostra vita quotidiana. Venerdì scorso ho assistito personalmente all'eliminazione di un collega del mio dipartimento. Lavorava nel mio ufficio da 15 anni, è stato invitato ad abbandonare il posto di lavoro proprio 10 minuti dopo essere entrato ed averci detto “Good morning”. Lo so che a voi italiani questa cosa suonerà come fantascienza, lo stesso effetto che faceva a me fino a poco tempo fa. Eppure in Inghilterra un'azienda in difficoltà ha la piena possibilità di chiudere per sempre una posizione di lavoro licenziando il relativo dipendente a patto di pagargli il dovuto mese di preavviso”. Quel che sorprende il bancario italiano è proprio il fatto di essere stato risparmiato: “Sebbene logicamente come ultimo arrivato avrei dovuto essere il primo a partire, alla prova dei fatti così non é stato: il direttore ha deciso di salvarmi. Per chi abita a Londra io potevo essere un semplice immigrato di una nazione straniera, eppure il direttore di dipartimento ha dimostrato di credere nelle mie capacità al punto da sacrificare un suo connazionale per me, il mio capo mi ha dato fiducia al punto di andare ad una partita di football lasciando 12 persone sotto la mia direzione, io stesso non ho sentito un minimo senso di prevenzione o di pregiudizio nei miei confronti e tutto questo sotto il peso dello standard di una banca internazionale. Non so se, rimanendo nella banca italiana dove lavoravo sei anni fa, sarei stato valorizzato in questo modo”.
Rose e fiori? Chiedere agli operai della Irem di Grimsby per avere una sicura smentita. E poi il lavoro non è tutto. Sono soprattutto le donne a lasciar trasparire dai blog i loro sentimenti. Perché la scelta di emigrare è spesso un sottile punto di equilibrio tra la possibilità di guadagnare meglio e la rinuncia ad abitudini consolidate nelle generazioni. Si dice di no a un ambiente familiare (e alle sue sicurezze) in cambio della possibilità di migliorare sensibilmente il reddito e le opportunità di carriera. Ma anche chi sceglie le seconde attraversa i momenti difficili della nostalgia. Francesca Rossi scrive dalla Germania. Titolo del blog: “TuttinColonia”. E confessa che “quello che mi manca di più dell'Italia, ovviamente oltre ai parenti e agli amici, sono il reparto frutta e verdura e il banco gastronomia dell'Esselunga. Parlare di depressione è esagerato ma di fronte ai quei miseri metri quadrati di cavoli e mele mi prende una certa malinconia”.
Francesca si stupisce della vita nel suo quartiere di immigrati dove “un terzo degli appartamenti è occupato da italiani: i più giovani sono nati qui, possiedono un rottweiler e indossano felpe con su scritto Italia”. Mentre i più anziani “sono qui da trent'anni, ti salutano dicendoti “buonggionno”, usano ancora la brillantina Linetti, hanno il baffo sottile e curato e non conoscono una parola di tedesco “tanto qui frequentiamo solo compaesani”. L'unica cosa che non cambia a nessuna latitudine sono i portinai: pettegoli e ficcanaso. Meno male che, per il momento, i nostri ci portano su un palmo di mano perché, vista la composizione del condominio, noi rientriamo nella voce 'inquilini rispettabili'”.
Il ciclone della crisi economica si abbatte sui luoghi comuni e sulle abitudini consolidate nei decenni. I cittadini italiani all'estero sono esattamente lo stesso numero degli stranieri regolarmente present i in Italia, tre milioni e mezzo. Per ogni italiano trattato da romeno all'estero c'è un romeno trattato da romeno in Italia. Proprio adesso che il benessere (e l'emigrazione dal sud del mondo) aveva fatto salire gli italiani nella scala sociale mondiale, il gioco del mattone dei mutui suprime ci fa nuovamente ruzzolare giù dai gradini.
Anche i manager tremano. Luciano scrive da Nanchino: è ingegnere e si firma “TomcatUsa”. Confessa che sta attraversando un periodo difficile: “Il problema è che qui in Cina le cose cambiano molto rapidamente e in un attimo si passa dall'essere un asset strategico a un costo da eliminare. Capita di ricevere all'improvviso una chiamata dall'Europa: “Caro ingegnere saprà che al momento c'è molta incertezza nei mercati, le borse sono in crisi”. “Immagino, ma d'altra parte questo è anche il momento in cui si dovrebbe investire per quando la situazione migliorerà”. “Sarà ma noi al momento non ce la sentiamo di investire per cui abbiamo deciso di sospendere il progetto, almeno per un po'”. “Decisamente una brutta notizia, io sono qui per questo progetto”. “Non si preoccupi, si tratta solo di uno stop temporaneo: diciamo 6-8 mesi, giusto per capire cosa succede””. Il blog di Luciano finisce così, con un licenziamento in diretta: “Al momento – ammette – non so bene dove andrò e nemmeno cosa farò. Magari tra un po' ci ritornerò in Cina, chissà. O magari non ci tornerò più e rileggendo tra qualche anno i post che ho scritto sorriderò al pensiero di quante cose siano successe durante la mia permanenza qui. Per ora non mi resta che salutarvi e ringraziarvi per il tempo che avete dedicato alla lettura dei miei post e per i vostri commenti che mi hanno tenuto compagnia durante questi due anni di permanenza qui, nella Terra di Mezzo”. La terra in mezzo ai luoghi comuni, tra italiani, italians e il resto del mondo
var SEZIONE='esteri';
< /script>
[addsig]

Lascia un commento

0:00
0:00