Continua il viaggio di Marino Curnis

L’impresa di Marino Curnis partito a piedi per il Giappone

Francesco Ma. II A

Dall’Italia al Giappone a piedi per 40.460 kilometri, attraversando 26

nazioni.

E’ l’impresa che si è prefisso di portare a termine Marino Curnis. Partito da

Alzano Lombardo in provincia di Bergamo il 9 gennaio 2006, in questo momento dovrebbe aver raggiunto l’Ungheria. Il suo bagaglio è veramente essenziale: una particolare valigia con una ruota che si trascina dietro per mezzo di un aggancio alla cintola.

La sua impresa è destinata ad entrare nel Guinnes dei Primati.

Nel viaggio di andata e ritorno, che si stima durerà circa 5 anni, Marino

Curnis sarà ospite di amici contattati sul web. Quasi sempre si tratterà di esperantisti in quanto l’Esperanto è una delle lingue parlate da Marino e l’ospitalità, anche e soprattutto tra esperantisti, è sacra.

Oltre ad un bagaglio ridotto al minimo Marino Curnis ha con se un telefono

satellitare, una macchina fotografica digitale e un computer portatile con il quale si

connette giornalmente ad Internet per informarsi ed aggiornare il suo sito nel quale riporta il diario di viaggio.

Chiunque può scrivergli delle e-mail (mkurnys@eurasiapc.com).

Marino sarà felice di rispondere a tutti. Nel suo viaggio si prefigge, oltre

che di portare a termine una impresa sportiva, di trasmettere un importante messaggio di pace e di avvicinamento tra culture diverse.

Per seguire l’impresa di Marino Curnis, quindi, contattate il sito web

http://www.eurasiapc.com/.

(Da Nova Sento in rete n. 466).

[addsig]

Lascia un commento

0:00
0:00