Comunicato della Federazione Esperantista Italiana

Da TarantoFuturo Europa

www.tarantofuturo.it

Comunicato Stampa della Federazione Esperantista Italiana Roma, 7 ottobre 2003

La Federazione Esperantista Italiana, in riferimento a quanto pubblicato sulla pagina “cultura” del “Corriere della Sera” di ieri a firma di Marco Nese, riguardo “l’esigenza di un linguaggio comune europeo”, dichiara la propria convinzione sulla necessita’ che la nostra classe politica, a partire dal Governo, promuova un convegno attraverso il quale venga approfondito il problema della lingua e della democrazia linguistica nell’Europa Unita e ribadisce che gli esperantisti si battono per la difesa di tutte le lingue e di tutte le culture, senza distinzioni fra lingue e culture “grandi” e “piccole” e, quindi, non si pongono contro nessuna lingua. La F.E.I. invita gli intellettuali ed i politici ad affrontare, con obiettivita’, il problema della comunicazione internazionale in generale ed a valutare la situazione che si verra’ a creare nell’Europa a 25, dove le lingue nazionali saranno ben 20.

La proposta di adottare l’esperanto come seconda lingua neutrale e soluzione equa per tutti, come lingua per la comunicazione internazionale, e’ piu’ realistica di un utopistico plurilinguismo che, di fatto, nasconde soluzioni pratiche antidemocratiche.

[addsig]

1 commento

  • Da TarantoFuturo Europa

    http://www.tarantofuturo.it

    Comunicato Stampa della Federazione Esperantista Italiana Roma, 7 ottobre 2003

    La Federazione Esperantista Italiana, in riferimento a quanto pubblicato sulla pagina “cultura” del “Corriere della Sera” di ieri a firma di Marco Nese, riguardo “l’esigenza di un linguaggio comune europeo”, dichiara la propria convinzione sulla necessita’ che la nostra classe politica, a partire dal Governo, promuova un convegno attraverso il quale venga approfondito il problema della lingua e della democrazia linguistica nell’Europa Unita e ribadisce che gli esperantisti si battono per la difesa di tutte le lingue e di tutte le culture, senza distinzioni fra lingue e culture “grandi” e “piccole” e, quindi, non si pongono contro nessuna lingua. La F.E.I. invita gli intellettuali ed i politici ad affrontare, con obiettivita’, il problema della comunicazione internazionale in generale ed a valutare la situazione che si verra’ a creare nell’Europa a 25, dove le lingue nazionali saranno ben 20.

    La proposta di adottare l’esperanto come seconda lingua neutrale e soluzione equa per tutti, come lingua per la comunicazione internazionale, e’ piu’ realistica di un utopistico plurilinguismo che, di fatto, nasconde soluzioni pratiche antidemocratiche.

    [addsig]

Lascia un commento

0:00
0:00