Click Day: Alla faccia del test d’italiano!

[fimg=left]https://era.ong/4/click-day.jpg[/fimg]Click Day, Pagano (Radicali/ERA): Alla faccia del test d’italiano!
Dichiarazione di Giorgio Pagano – Radicali/ERA

“Un governo che sbaglia tutto: gli immigrati non necessitano del test d’italiano, ma d’inglese”. Lo dichiara Giorgio Pagano, Segretario dell’Associazione Radicale Esperanto.
“Al di là della demenzialità intrinseca, a partire dal nome, del ‘Click Day’, il governo per rendere più difficile la corsa a ostacoli volta a ottenere la regolarizzazione dei lavoratori stranieri dissemina di parole inglesi, peraltro specifiche del linguaggio informatico, le istruzioni in rete. Immaginate le persone anziane che oggi hanno cercato di mettere in regola la badante quanto possano essersi sentite prese in giro, mentre “clickavano” col loro “mouse” sul “web” chiedendosi cosa diavolo sia una “slide”, e quanto offeso il loro senso di onestà e abnegazione nei confronti delle persone che le accudiscono”, prosegue Pagano.
“Senza contare gli immigrati con permesso di soggiorno che cercano di farsi raggiungere legalmente dai propri figli, stranieri di madrelingua araba o francofona a cui è stato chiesto l’esame d’italiano ieri e quello d’inglese oggi. Le istruzioni del ministero, di primo acchito, fanno ridere, ma da comiche diventano drammatiche se ci s’immedesima nei lavoratori che hanno dovuto partecipare inciampando a questa gara ridicola animati dalla speranza di una vita normale”.

Lascia un commento

0:00
0:00