CETA: l’UE-Canada accordo di libero scambio (Nota della Camera di Comuni del Regno Unito)

CETA: l’UE-Canada accordo di libero scambio

Pubblicato Mercoledì 9 novembre 2016

La presente nota fornisce dettagli sul CETA, l’accordo commerciale globale e di partenariato economico. Si tratta di un accordo di libero scambio tra l’UE e il Canada.

L’accordo globale economico e commerciale (CETA) è un accordo di libero scambio tra l’UE e il Canada. CETA è probabilmente meno noto rispetto TTIP – il trattato transatlantico di scambio e di partenariato per gli investimenti – un accordo commerciale controverso attualmente in corso di negoziato tra l’UE e gli USA. CETA è, tuttavia, potenzialmente più vicino alla realizzazione. I colloqui CETA sono stati completati nel 2014 ed è stato firmato l’accordo il 30 ottobre 2016. La firma dell’accordo è stata ritardata di qualche giorno a causa di obiezioni da parte del Parlamento vallone. Firma del contratto non significa che entra in vigore immediatamente. Il passo successivo è la considerazione dell’accordo da parte del Parlamento europeo. A condizione che il Parlamento europeo dia il suo assenso, molto (ma non tutto) del CETA potrebbe entrare in vigore a titolo provvisorio. IlCETA potrebbe entrare in vigore a titolo provvisorio nella primavera del 2017.

Il CETA rimuove tutte le tariffe sui prodotti industriali scambiati tra l’UE e il Canada. La maggior parte verranno rimossi quando l’accordo entrerà in vigore. Tutti saranno rimossi entro sette anni. Non vi è sostanziale liberalizzazione degli scambi di prodotti agricoli. le imprese dell’UE potranno fare offerte per appalti pubblici in Canada.

La Commissione europea ha ammesso il CETA come un “accordo misto” pur mantenendo il fatto che dal punto di vista strettamente giuridico il CETA è un accordo “EU-only”. Come un accordo misto, il CETA deve essere ratificato da ciascuno Stato membro dell’UE e deve ricevere il consenso del Parlamento europeo. Nel Regno Unito, l’accordo deve essere presentato al Parlamento per un periodo di 21 giorni di seduta. L’accordo può essere ratificato solo se il periodo di 21 giorni è passato senza che nessuno abbia avuto a che ridire sul fatto che dovrebbe essere ratificato. Nel caso invece ciò accada con una tale risoluzione da parte della Camera dei Comuni, un ulteriore periodo di 21 giorni viene attivato durante il quale i Comuni possono ancora sollevare obiezioni. La commissione di controllo europeo ha raccomandato che ci sia un dibattito sulla CETA sul tavolo della Camera dei Comuni.

L’accordo può essere attuato a titolo provvisorio dopo il consenso del Parlamento europeo, e prima della ratifica da parte degli Stati membri. La Commissione è favorevole a questo approccio. Solo i settori dell’accordo di competenza della UE possono essere applicate in via provvisoria. I critici sostengono che questo potrebbe coprire la maggior parte del CETA. La Commissione ha detto che le controverse disposizioni circa gli investimenti di sistema non saranno applicate in via provvisoria. Non saranno, quindi, entrerà in vigore a meno che il CETA è ratificata dagli Stati membri.

Coloro che sono a favore del CETA sostengono che essa promuove scambi tra l’UE e il Canada. Il CETA è stato descritto dalla Commissione europea come “una pietra miliare nella politica commerciale europea” e “l’accordo commerciale più ambizioso che l’UE abbia mai concluso.” La Commissione europea sostiene che le critiche delle disposizioni di investimento sono infondate, affermando che il CETA protegge i governi e il loro ‘diritto di regolamentare e che il progetto di investirne la Corte Europea è un sostituto più equo e trasparente per la risoluzione delle controversie tra Stato e gli investitori ampiamente criticato (ISDS).

I critici sostengono che l’accordo sia eccessivamente favorevole alle imprese e può portare a un abbassamento degli standard normativi.Gli oppositori del CETA restano scettici dalle riforme delle disposizioni di investimento, sostenendo che questi danno agli investitori stranieri privilegi speciali e che possono scoraggiare i governi a legiferare nell’interesse pubblico per paura dei contenzioso. Il CETA è visto anche da alcuni come un modo di portare gli elementi del TTIP attraverso la porta sul retro. Ci sono state anche le critiche del processo di ratifica accordi commerciali – in particolare, il fatto che il CETA possa essere oggetto di “applicazione provvisoria” – vale a dire prima che i parlamenti degli Stati membri dell’UE abbiano avuto la possibilità di ratificarlo.

Mentre il Regno Unito è ancora nell’UE, sarà soggetta alle disposizioni del CETA una volta entrato in vigore. La data precisa della Brexit non è ancora nota, ma dato il tempo necessario per la ratifica del CETA in tutti gli Stati membri dell’Unione europea (ammesso che sia ratificato), vi è la possibilità che il Regno Unito abbia già lasciata l’Unione allorché il CETA entrerà completamente in vigore. Anche se la situazione non è del tutto chiaro, l’opinione generale è che il Regno Unito avrebbe bisogno di rinegoziare i suoi accordi commerciali con i paesi extra-UE dopo la Brexit. E’ stato suggerito che se la Brexit si verificherà dopo la piena ratifica del CETA, il Regno Unito potrebbe essere vincolato dalle sue disposizioni di investimento per 20 anni.

Lascia un commento

0:00
0:00