+3906689791 scrivici@era.ong
Europa e oltre

BCE: intervista a Benoît Cœuré membro del Comitato esecutivo

Il 25 settembre, Sabine Lautenschläger, membro tedesco del consiglio di amministrazione, ha rassegnato le dimissioni dopo che il programma di acquisto del settore pubblico (PSPP), il "quantitative easing" europeo, è stato riattivato il 13 settembre a seguito di una decisione a maggioranza del consiglio direttivo. Numerosi altri membri della BCE hanno anche votato contro, e i governatori delle banche centrali tedesche, austriache e olandesi hanno apertamente criticato questa decisione.

Membro del Comitato esecutivo della Banca centrale europea (BCE) dal gennaio 2012, il francese Benoit Coeuré, 50 anni, termina il suo mandato il 31 dicembre (1). Mi ha dato la sua prima intervista sui media e ha accettato di farmi la sua ultima intervista. Lascia Francoforte quando scoppiò una vera guerra civile il 13 settembre all’interno dell’istituto emittente, i “falchi” (Germania, Austria, Paesi Bassi) non digeriscono la riattivazione dell’ “allentamento quantitativo” europeo e il mantenimento della politica di tassi pari a zero o addirittura negativi. Il membro tedesco del comitato esecutivo, Sabine Lautenschläger, ha anche sbattuto la porta della BCE il 25 settembre. Benoit Coeuré spiega questa crisi e analizza gli ultimi otto anni che hanno visto la liquidazione dell’eredità della Bundesbank, la banca centrale tedesca.
La versione inglese è qui:
https://www.ecb.europa.eu/press/inter/date/2019/html/ecb.in191216_1~bb222205e4.en.html

Le differenze all’interno della BCE si stanno ora diffondendo. Che cosa è successo?
A settembre, l’eurozona ha dovuto affrontare nuovamente il rischio di un rallentamento e l’inflazione è ancora troppo lontana dal nostro obiettivo del 2%. Questa diagnosi è stata condivisa dall’intero Board of Governors: il dibattito non si è concentrato sulla necessità di agire, ma sulla scelta degli strumenti. Parte di noi dubitava che il rilancio degli acquisti di titoli di debito fosse lo strumento più adatto, poiché i tassi di interesse a lungo termine non erano mai stati così bassi. È normale che i punti di vista siano diversi, ma una volta deciso, si assume e si avanza. Questa è una delle grandi qualità della BCE, che è in grado di prendere decisioni a maggioranza semplice, il che la rende più reattiva rispetto alle altre istituzioni europee. Non tutti devono essere d’accordo,

Un dibattito tecnico che si è comunque concluso con uno scontro aperto e violento …
Le dimissioni di Sabine sono legate a una serie di considerazioni personali che solo lei può commentare. Un altro argomento è quello della comunicazione: credo che una volta che l’istituzione abbia deciso, qualunque sia la sua opinione personale, è necessario difendere la decisione presa. Sarebbe diverso se i voti fossero pubblici, cosa che ho sempre desiderato: tutti dovrebbero prendere il loro voto e spiegare perché è nell’interesse dell’area dell’euro, perché i governatori della banca centrale nazionale siedono a Francoforte come personale e per difendere l’interesse collettivo e non solo quello del loro paese.

Dall’inizio della crisi dell’eurozona nel 2010, la Bundesbank ha sistematicamente votato contro le decisioni della BCE, le ha criticate pubblicamente e ha persino aderito alle azioni legali contro di essa …
La quasi unanimità del Consiglio direttivo ha ritenuto che le misure adottate durante la crisi fossero sia necessarie sia nell’ambito del mandato della BCE. Penso in particolare alle Transazioni monetarie su titoli (OMT) decise nel settembre 2012 di proteggere la zona euro dalla speculazione che avrebbe potuto spingere alcuni paesi a lasciarla. Ciò è stato accettato all’unanimità meno un voto, quello del presidente della Bundesbank che ha ritenuto che questa operazione abbia superato la linea che separa la politica monetaria dalla politica di bilancio poiché si trattava di sostenere il mercato obbligazionario di uno Stato membro della zona euro attaccata dai mercati. Non è stato questo il parere del Consiglio dei governatori che ha trascorso tutta l’estate del 2012 a garantire che questo limite non fosse superato: abbiamo pertanto condizionato il nostro intervento sull’attivazione di un programma di aggiustamento del meccanismo europeo di stabilità (MES). Ciò è essenziale, perché non è la BCE che riforma l’economia o ripristina le finanze pubbliche del paese che richiede aiuti: lo fa da sola nell’ambito di un programma negoziato con il MES. E poi la BCE può fornire la liquidità che aiuta a stabilizzare il mercato obbligazionario. Anche la Corte di giustizia europea ci ha fornito delle ragioni. E poi la BCE può fornire la liquidità che aiuta a stabilizzare il mercato obbligazionario. Anche la Corte di giustizia europea ci ha fornito delle ragioni. E poi la BCE può fornire la liquidità che aiuta a stabilizzare il mercato obbligazionario. Anche la Corte di giustizia europea ci ha fornito delle ragioni.

Sembra che assistiamo a un vero scontro ideologico di destra-sinistra all’interno della BCE, dal momento che la vostra politica del tasso di interesse zero finisce per “eutanilizzare i rentier”, come dicevano nel diciannovesimo secolo, vale a dire i risparmiatori e i pensionati, quindi gli ululati tedeschi o olandesi, a beneficio dei lavoratori, vale a dire della crescita.
È un’opposizione artificiale. Uno dei miei rimpianti è che non siamo riusciti a convincere l’opinione pubblica tedesca dei meriti della nostra politica. Perché, da un lato, la politica monetaria agisce sempre e ovunque sull’equilibrio tra risparmio e consumo attraverso i tassi di interesse. Se così non fosse, sarebbe inutile! D’altra parte, in un periodo in cui la disoccupazione è alle stelle, la crescita sta rallentando o la deflazione è minacciosa, come nel 2012 e nel 2014, è normale che la BCE sia dalla parte dell’occupazione. Non ne ho voglia, fa parte del nostro mandato: senza crescita e posti di lavoro, non c’è stabilità dei prezzi. La nostra politica è nell’interesse dell’area dell’euro nel suo insieme e quindi della Germania, è così semplice.

La vostra politica ha anche indebolito le banche, che hanno visto ridursi i loro margini al punto che alcuni di loro non esitano più ad addebitare depositi.
Da un lato, non è a causa della BCE che i tassi di interesse sono bassi: se dovessimo abbassare i nostri “tassi chiave” (ad esempio il tasso al quale i depositi delle banche presso la BCE sono remunerati) a livelli molto bassi o addirittura negativi, questo perché c’è un eccesso di risparmi nell’economia: il tasso di interesse naturale è diminuito a causa della bassa crescita, dell’invecchiamento della popolazione e una forma di ansia nell’economia globale che ha portato alla domanda di beni molto sicuri come i titoli di stato. Tuttavia, affinché la politica monetaria funzioni e stimoli l’economia, il tasso di interesse fissato dalla banca centrale deve essere inferiore a questo tasso naturale. Se vogliamo ricreare un ritorno su risparmi e condizioni a supporto del settore finanziario, è inutile criticare la banca centrale. Dobbiamo agire sui fondamenti e quindi aumentare il rendimento del capitale, che aumenterà naturalmente i tassi di interesse e la banca centrale sarà in grado di seguire. D’altra parte, è vero che il fatto che la curva dei tassi di interesse sia piatta, vale a dire che i tassi di interesse sono bassi a tutte le scadenze, pesa sul settore finanziario. La differenza tra il ritorno sui risparmi a lungo termine e il costo delle risorse a breve termine è quasi zero oggi. Ma ciò che pesa ancora di più sulla redditività delle banche europee è che hanno una base di costi molto più elevata rispetto agli Stati Uniti, al Giappone, al Regno Unito o ai paesi scandinavi, rispetto ad alcuni paesi, hanno crediti in sofferenza nei loro bilanci che non producono più nulla. Infine,

Quindi ci sono meno banche nell’area dell’euro?
L’Unione bancaria non ha ancora reso possibile il consolidamento del settore. Le fusioni bancarie dovranno essere transfrontaliere e dovranno essere rimosse anche alcune barriere all’attività bancaria. Ma l’unione bancaria ha svolto un ruolo utile nella stabilizzazione di un settore che è molto più robusto rispetto al 2012, poiché la BCE ha assunto il controllo della vigilanza bancaria e ha rafforzato i requisiti di capitale e liquidità. Devi vedere che uno dei grandi successi degli ultimi otto anni è che abbiamo ridotto l’influenza della lobby bancaria: l’unione bancaria ha posto fine alla famiglia a tre in ogni paese tra le grandi banche , il regolatore, cioè il Ministero delle finanze e il supervisore, di solito la banca centrale nazionale. Abbiamo creato la distanza tra il settore bancario e il supervisore,

Un altro effetto della vostra politica monetaria è creare le condizioni per una nuova bolla immobiliare, i risparmi non producono più nulla.
Il rischio è lì, ma non ci siamo ancora. Esistono tensioni locali, ma nulla che influisca sull’intera zona euro e la prevenzione dei rischi deve iniziare a livello nazionale: quando il prezzo degli immobili sale in una città, è un problema di credito piano immobiliare o del territorio? In quest’ultimo caso, questo non è francamente responsabilità della BCE. Gli istituti finanziari sono fondamentalmente più forti rispetto al 2008, perché sono meglio capitalizzati e devono rispettare regole più rigorose, in particolare nel modo in cui misurano i loro rischi. Ad esempio, Basilea III ha introdotto un limite all’uso dei modelli interni delle banche: fino ad allora, potevano calcolare i rischi che stavano assumendo, il che li rendeva troppo sicuri. Tuttavia, Se rimaniamo in questa situazione a basso tasso per lungo tempo, i rischi di bolle di proprietà aumenteranno naturalmente. Vorrei che la BCE sviluppasse un approccio che consenta di confrontare meglio i benefici per l’economia reale dei bassi tassi di interesse e i rischi creati in tutto il settore finanziario. Oggi non sappiamo da quando i rischi supereranno i benefici.

Non dovremmo anche rafforzare le regole che le banche devono rispettare prima di concedere un prestito?
Gli strumenti macroprudenziali sono utilizzati per rafforzare gli obblighi patrimoniali delle banche e le condizioni che richiedono ai mutuatari se si ritiene che vi sia un problema di stabilità finanziaria. Ciò viene fatto a livello nazionale: ad esempio in Francia, l’Alto Consiglio per la stabilità finanziaria presieduto dal Ministro delle finanze ha adottato misure per i prestiti concessi alle grandi società e per i prestiti ipotecari. Se la BCE ritiene che un paese non stia facendo abbastanza, può prendere in mano la situazione: il Consiglio europeo per il rischio sistemico identifica i rischi, può inviare raccomandazioni a un paese e se la BCE ritiene che non lo sia non abbastanza, può assumere il controllo e aggiungere obblighi a livello europeo, cosa che non è mai stata fatta finora. Laddove gli strumenti non esistono e ciò costituisce una preoccupazione, è per le attività non bancarie. Tuttavia, dopo la crisi finanziaria, c’è stato un passaggio al settore non bancario, le banche hanno ridotto i loro bilanci, mentre i fondi di investimento, i fondi del mercato monetario, i gestori patrimoniali continuano a crescere e i finanziamenti di fatto l economia. Pertanto, quando un fondo di investimento acquista un portafoglio di prestiti da una banca, si trova il creditore di imprese o famiglie. Tuttavia, si tratta di un settore molto meno controllato e in cui vi sono meno strumenti prudenziali. Il compito principale per i prossimi anni sarà quello di sviluppare un approccio macroprudenziale per le attività non bancarie in modo che le condizioni di credito possano essere rafforzate, se necessario. c’è stato un passaggio al settore non bancario, le banche hanno ridotto i loro bilanci, mentre i fondi di investimento, i fondi del mercato monetario, i gestori patrimoniali continuano a crescere e finanziano di fatto l’economia. Pertanto, quando un fondo di investimento acquista un portafoglio di prestiti da una banca, si trova il creditore di imprese o famiglie. Tuttavia, si tratta di un settore molto meno controllato e in cui vi sono meno strumenti prudenziali. Il compito principale per i prossimi anni sarà quello di sviluppare un approccio macroprudenziale per le attività non bancarie in modo che le condizioni di credito possano essere rafforzate, se necessario. c’è stato un passaggio al settore non bancario, le banche hanno ridotto i loro bilanci, mentre i fondi di investimento, i fondi del mercato monetario, i gestori patrimoniali continuano a crescere e finanziano di fatto l’economia. Pertanto, quando un fondo di investimento acquista un portafoglio di prestiti da una banca, si trova il creditore di imprese o famiglie. Tuttavia, si tratta di un settore molto meno controllato e in cui vi sono meno strumenti prudenziali. Il compito principale per i prossimi anni sarà quello di sviluppare un approccio macroprudenziale per le attività non bancarie in modo che le condizioni di credito possano essere rafforzate, se necessario. i gestori patrimoniali continuano a crescere e finanziano di fatto l’economia. Pertanto, quando un fondo di investimento acquista un portafoglio di prestiti da una banca, si trova il creditore di imprese o famiglie. Tuttavia, si tratta di un settore molto meno controllato e in cui vi sono meno strumenti prudenziali. Il compito principale per i prossimi anni sarà quello di sviluppare un approccio macroprudenziale per le attività non bancarie in modo che le condizioni di credito possano essere rafforzate, se necessario. i gestori patrimoniali continuano a crescere e finanziano di fatto l’economia. Pertanto, quando un fondo di investimento acquista un portafoglio di prestiti da una banca, si trova il creditore di imprese o famiglie. Tuttavia, si tratta di un settore molto meno controllato e in cui vi sono meno strumenti prudenziali. Il compito principale per i prossimi anni sarà quello di sviluppare un approccio macroprudenziale per le attività non bancarie in modo che le condizioni di credito possano essere rafforzate, se necessario.

Tra il momento in cui hai aderito alla BCE nel gennaio 2012 e oggi, l’istituzione ha subito una profonda trasformazione: prima era più simile alla Bundesbank e oggi si comporta più come la Federal Reserve degli Stati Uniti .
La situazione di crisi esistenziale, prima nell’estate del 2012 con la Spagna e l’Italia, poi nell’estate del 2015 con la Grecia e l’azione di un uomo, Mario Draghi, che ha presieduto la BCE fino allo scorso novembre, ci ha dato la maturità necessaria per utilizzare pienamente gli strumenti che i trattati ci hanno dato. Siamo quindi diventati l’equivalente della Federal Reserve? Per alcuni aspetti sì, dato che ci siamo dotati di una cassetta degli attrezzi completa per supportare l’economia della zona euro in ogni momento, con strumenti come un allentamento quantitativo ispirato al modello americano e una capacità di intervenire nei mercati. Ma ci sono differenze essenziali. Da un lato, non abbiamo lo stesso mandato: quello della Fed è duplice e mette sullo stesso livello la stabilità dei prezzi e la piena occupazione, mentre la BCE ha un mandato che dà priorità alla stabilità dei prezzi. D’altra parte, non abbiamo gli stessi mercati finanziari: gli Stati Uniti hanno mercati obbligazionari molto profondi e liquidi, il che offre alla Fed una capacità quasi illimitata di intervento. In Europa, non esiste un’unione dei mercati dei capitali, i mercati obbligazionari sono frammentati tra 19 paesi, il che limita la capacità della politica monetaria.

Sei orgoglioso del lavoro svolto?
Ho tre motivi per orgoglio. Innanzitutto, il discorso di Mario Draghi del luglio 2012, quando ha dichiarato che la BCE avrebbe fatto tutto il necessario per salvare l’euro nel quadro del suo mandato e della creazione degli OMT, che sono la sua manifestazione concreta e che ha contribuito a mantenere l’integrità dell’area dell’euro. Quindi, l’episodio della Grecia, sicuramente molto controverso, possiamo vederlo bene nel film di Costa Gavras “Adulti nella stanza”. Ma mentre lo stato greco era vicino al fallimento, abbiamo mantenuto il finanziamento dell’economia greca e delle banche elleniche – che avevano perso l’accesso al mercato e ai loro risparmiatori a causa di una fuga di capitali – nel rispetto della volontà politica dei governi della zona euro, che prevedeva che gli aiuti alla Grecia fossero condizionati. La nostra azione è stata abilitataalla fine la Grecia rimarrà nell’euro. Alcuni volevano portare il cappello alla BCE per l’uscita della Grecia dalla zona euro, ma abbiamo resistito! Terzo motivo di orgoglio: nel 2015 il lancio del QE che ha contribuito a evitare la deflazione.

Hai qualche rimpianto?
Probabilmente abbiamo iniziato ad allentare quantitativamente (QE) un po ‘troppo tardi, anche se non biasimo nessuno. È stata una grande novità che ha richiesto molto lavoro convincente all’interno del consiglio di amministrazione. Ad esempio, abbiamo discusso a lungo su chi avrebbe comportato il rischio di questi acquisti di attività e alla fine abbiamo deciso che l’80% sarebbe stato portato dalle banche centrali nazionali sui loro bilanci e non dalla BCE. L’idea era di prevenire il QE, un massiccio acquisto di titoli pubblici: oggi deteniamo quasi un terzo di tutto il debito europeo, l’equivalente del 20% del PIL dell’area dell’euro è un modo di realizzare l’unione di bilancio attraverso la backdoor quando gli Stati membri non lo vogliono. Abbiamo anche sottovalutato l’impatto che la politica di austerità fiscale sanzionata dal Trattato sul bilancio (TSCG), che all’epoca era necessario, dal momento che era necessario per garantire garanzie di stabilità ai mercati finanziari, avrebbe avuto sull’attività. Come raccomandato dall’FMI, una politica monetaria più accomodante è andata per quanto riguarda il QE, a partire dal 2010 e non nel 2015. Infine, abbiamo impiegato molto tempo per rilassarci sulla questione del clima, anche se non lo è non è il nostro compito principale: altre banche centrali, compresa la Banca d’Inghilterra, lo hanno realizzato prima di noi. I cambiamenti climatici devono, ad esempio, essere integrati nella vigilanza del settore finanziario, tenendo conto dei rischi che comporta per determinati settori di attività o determinati titoli finanziari,

Nient’altro?
Poi ci sono altri errori che non sono colpa nostra. Uno dei motivi del declino della crisi dell’eurozona è che il settore finanziario è stato ripulito molto più tardi rispetto agli Stati Uniti. I paesi europei si sono cullati nelle illusioni sullo stato delle loro banche e sono stati condotti seri stress test e le ricapitalizzazioni sono state imposte troppo tardi. Alcuni, tra cui la Francia, hanno persino intrapreso battaglie di retroguardia per evitare di rafforzare il capitale delle loro grandi banche. Tutto ciò ha pesato sulla crescita. D’ora in poi, è importante non tornare indietro!

Christine Lagarde ha annunciato che condurrà una revisione della strategia della BCE.
Christine Lagarde ha ragione. È salutare fare un passo indietro e tenere un simile dibattito. Spero che non si svolgerà solo all’interno della BCE, ma coinvolgerà economisti indipendenti e società civile.

Quando facciamo il punto sull’euro dal 1999, vediamo che non ha prodotto tutti gli effetti sperati. Il commercio nell’area dell’euro sta diminuendo, l’unione dei mercati dei capitali è in un limbo, i paesi con enormi eccedenze di capitale, come la Germania o i Paesi Bassi, li stanno investendo negli Stati Uniti o in Cina, ecc. Fondamentalmente, il paese che beneficia maggiormente dell’euro è la Germania, che beneficia pienamente della sottovalutazione dell’euro.
Tutti beneficiano dell’euro poiché il rischio di cambio è scomparso e le condizioni finanziarie non sono mai state più favorevoli per gli investimenti. Allo stesso modo, l’euro è un bene comune che ci consente di parlare con una sola voce sulla scena internazionale, anche se non usiamo abbastanza questa forza. Ma è vero che abbiamo creato l’euro, che è stato rafforzato con l’unione bancaria o l’MES, per far funzionare un mercato unico in Europa, ed è chiaro che questo mercato sta calpestando l’acqua. Perché? Perché all’inizio è stato progettato come un’area per la libera circolazione delle merci, mentre ora siamo in un’economia dei servizi e non esiste un mercato unico per i servizi.

Non si può ignorare il rifiuto di tutta la solidarietà finanziaria da parte dei paesi del nord Europa.
Abbiamo un problema politico: gli stati europei hanno adottato una moneta unica, la cui esistenza è di per sé uno straordinario fattore di solidarietà. Ma anche loro ritengono che la zona euro sia un club la cui tessera è gratuita e dà diritto a un certo numero di servizi. Tuttavia, aderire all’euro comporta un dovere di solidarietà quando il vicino diventa cattivo. È vero che gli Stati membri lo hanno fatto nei confronti di Grecia, Irlanda, Portogallo, Cipro e Spagna, ma a condizioni politiche molto costose e persino tossiche. I programmi di aggiustamento hanno creato enormi tensioni e perdite. . E, al contrario, devi tenere la tua casa in ordine per non creare problemi ai vicini. Possiamo avere la politica economica che vogliamo, è la democrazia, ma a condizione di non mettere in pericolo il vicino. Per ovviare a questo, ci sono delle regole che i membri del club devono rispettare ma queste regole sono in realtà piuttosto poco rispettate. Un giorno sarà necessario creare istituzioni ad hoc, compresa un’autorità che gestisce un bilancio per la zona euro che incarnerebbe l’interesse collettivo, che avrebbe i mezzi per decidere e che sarebbe responsabile nei confronti del Parlamento europeo. Finché ciò non esisterà, dovremo incrociare le dita e sperare che non ci sia crisi. chi avrebbe i mezzi per decidere e chi sarebbe responsabile nei confronti del Parlamento europeo. Finché ciò non esisterà, dovremo incrociare le dita e sperare che non ci sia crisi. chi avrebbe i mezzi per decidere e chi sarebbe responsabile nei confronti del Parlamento europeo. Finché ciò non esisterà, dovremo incrociare le dita e sperare che non ci sia crisi.

La BCE stava compensando il fallimento della volontà politica?
Sì. Poiché non esiste alcun coordinamento nel settore del bilancio, questo ci porta a svolgere il lavoro. Sogno una zona euro con un pilastro politico forte e democratico che consentirebbe di alleggerire la BCE di un certo numero di compiti. La politicizzazione della BCE è il risultato della debolezza dell’aspetto politico dell’unione economica e monetaria. Alcuni accusano la BCE di fare troppo e di non essere abbastanza democratica, ma le eccessive aspettative proiettate sulla BCE sono solo un riflesso della debolezza della politica.

(1) La BCE è guidata da un consiglio di sei membri nominato dal Consiglio europeo dei capi di Stato e di governo. Questo consiglio esecutivo e i governatori delle banche centrali della zona euro formano il consiglio direttivo che prende le decisioni sulla politica monetaria a maggioranza semplice.

JEAN QUATREMER | Liberation | 16.12.2019

Lascia un commento

0:00
0:00