Politica e lingue

Antonio Diodato : canterò “Fai rumore” in italiano all’Eurovision

Come divenire la super potenza culturale che siamo
71

“E ora canterò in italiano all’Eurovision”

Il trionfatore: «Ho iniziato nei localini dove ti chiedevano di portare tu il pubblico»

In fondo la storia di Diodato è quella di un cantautore vecchio stile. Tanta gavetta. Fatica e concertini per quattro gatti.

E niente talent show a fare da trampolino di lancio. Nato ad Aosta ma vissuto sempre a Taranto, dove è uno dei «motori» del concertone del Primo Maggio che fa concorrenza a quello di Roma, a differenza di tanti altri cantautori Antonio Diodato, classe 1981, ha la voce: sottile ma cristallina e capace di riflessi d’ambra.

È sempre stato atipico, nel senso che non ha sfruttato le corazzate social per sgomitare nel pollaio della notorietà. Ha cantato, quando aveva da cantare. E ha conservato educazione ed eleganza. Perciò nel Festival buono di Amadeus lui è un’altra conferma dei tempi che cambiano. «Ma non mi sento un esempio», spiega quasi senza voce nel pomeriggio della domenica, che per il vincitore è di solito una estenuante maratona di interviste. Fai rumore è il titolo del brano, oltre che il riassunto della sua missione sanremese perché di rumore, qui al Teatro Ariston, ne ha fatto parecchio.

Ma qual è il significato del brano?

«Soprattutto è un invito ad abbattere i muri dell’incomunicabilità tra le persone, tra tutte, non solo tra chi ha rapporti sentimentali».

Naturalmente qualcuno pensa che sia una dedica a Levante, la cantante con la quale tu hai condiviso un tratto di vita…

«Direi che ha un significato più largo e meno personale».

Il tuo nuovo album si intitola Che vita meravigliosa ed esce il 14 febbraio.

«Scrivendo i testi di questo disco mi sono analizzato, ho provato ad abbattere le barriere e le gabbie nelle quali io, come tanti, mi sentivo imprigionato. La musica mi serve per conoscermi e mettermi a fuoco ed è anche un modo per capire il mondo, non soltanto quello che mi gira intorno o che vivo nel mio animo».

Diodato, ma come sono stati gli inizi?

«Come quelli di tanti. Ho imparato a cantare nei piccolissimi locali e ho pagato anche io lo scotto del Se vuoi cantare, portati il pubblico. Sono piccole umiliazioni che ti fanno dire Ma chi te lo fa fare?».

Aiutano però a trovare gli anticorpi alle delusioni.

«Beh certo, se suoni davanti a due persone, o fai così oppure ti ritiri…».

Il vincitore del Festival di Sanremo va di diritto all’Eurovision Song Contest.

«Il mio non è un brano dance, non è reggaeton e ha un testo in italiano. Qualcuno mi consiglia di tradurlo in inglese oppure di trovare qualche escamotage per farlo capire anche a chi non capisce l’italiano. Ma sai che c’è? A me piace proprio l’idea di portare la lingua italiana nel mondo, perché tradurla? Mi sembra che sia bella a sufficienza per non cambiarla».

Paolo Giordano | ilgiornale.it | 10.2.2020

Lascia un commento